7 settembre – Mamma di Annibake Ruccello con Danilo Giuva – Laterza (Taranto)

Condividi articolo tramite:

7 settembre – Mamma di Annibake Ruccello con Danilo Giuva – Laterza (Taranto)

07/09/2021

Danilo Giuva con “Mamma” Mamma di e con Danilo Giuva, , le ultime tappe del progetto “Agli Antipodi”

La Compagnia Licia Lanera è capofila del progetto di inclusione culturale e sociale della Regione Puglia – coordinato dal Teatro Pubblico Pugliese – che si è svolto quartiere di San Pio/Ex Enziteto e Laterza (TA).

Martedì 7 settembre 2021 La Valle degli Asini (Masseria Lamacarvotta, Laterza) ospita gli ultimi due appuntamenti in collaborazione con TeatroLab – Restiamo Umani: la messa in scena dello spettacolo “Mamma” di Annibale Ruccello con Danilo Giuva e preceduta da una lezione spettacolo sull’autore condotta sempre da Giuva.

La Compagnia Licia Lanera, con la preziosa partnership della Cooperativa sociale GET e dell’associazione culturale TeatroLab – Restiamo Umani, ha dato vita al progetto “Agli Antipodi – Un ponte tra le periferie culturali e geografiche”, vincitore dell’avviso pubblico “Periferie al centro”, intervento di inclusione culturale e sociale della Regione Puglia – Assessorato all’Industria Turistica e Culturale e Assessorato al Bilancio e programmazione unitaria, Politiche Giovanili, Sport per tutti, coordinato dal Teatro Pubblico Pugliese.

“Mamma. Piccole tragedie minimali” è l’ultimo testo scritto e interpretato da Ruccello nel 1986. Un’opera molto poco rappresentata, forse per la composizione frammentata in quattro brevi monologhi o probabilmente perchè, tra i lavori di Ruccello, èquella più aderente alle aberrazioni dell’epoca in cui è stata scritta.

La ripresa effettuata da Danilo Giuva consente di trovarsi dinanzi ad un testo di grande forza, cattiveria, ironia e compassione. Per esaltare il testo di Ruccello e azzerarne ogni riferimento temporale e geografico, Giuva ha scelto di tradurre l’opera dal napoletano al suo dialetto di origine, il foggiano – lingua aspra e colma di asperità – che ne magnifica la parabola di ferocia che le quattro protagoniste disegnano muovendosi da una storia all’altra.
Agli Antipodi è il nome del progetto di formazione teatrale che sin dal 2012 la compagnia pugliese, capitanata dall’attrice Licia Lanera, porta avanti nella sua “casa”, dapprima situata al confine tra Madonnella e Japigia ed ora nel nuovo spazio al quartiere Carrassi. La dimensione della periferia ha sempre significato lavorare con il tessuto più vivo della città e costruire con essa un dialogo costante. Partendo dal concetto che il Teatro è comunità e aggregazione, si è avviato un proficuo percorso di condivisione e diffusione artistica a San Pio/Ex Enziteto a Bari e a Laterza (TA), mettendo al centro la pratica del teatro.

“Agli Antipodi – Un ponte tra le periferie culturali e geografiche” è un progetto multidisciplinare che, oltre ai laboratori e ad uno spettacolo della compagnia, è arricchito da momenti di approfondimento organizzati dalla Cooperativa sociale GET e da incontri tematici curati dall’associazione culturale TeatroLab – Restiamo Umani.
Le attività sono inserite all’interno di un fitto calendario di eventi che ha realizzato due laboratori esperienziali con i rispettivi esiti di laboratorio aperti al pubblico, uno spettacolo teatrale e cinque incontri formativi. Tutte le attività sono state pensate alle comunità di riferimento.

La parte progettuale svolta a San Pio in collaborazione con la Cooperativa sociale GET si è conclusa a marzo 2021 con un video racconto, Ricordati di me. Il prodotto video mette in luce in chiave poetica il laboratorio esperienziale condotto da Licia e Danilo con nove ragazzi tra i 20 e i 25 anni che recitano i versi tratti da Pilade di Pierpaolo Pasolini. Il video è ancora disponibile sul canale Youtube della Compagnia.

Il laboratorio teatrale di Di cosa è fatta la luce, condotto da Ermelinda Nasuto, formatrice della Compagnia Licia Lanera, nell’Ex Chiesa del Purgatorio a Laterza (TA) si è svolto negli ultimi mesi del 2020 in collaborazione con l’associazione culturale TeatroLab – Restiamo Umani e ha coinvolto una decina di ragazzi di età compresa tra i 13 e 17 anni.

Un percorso che, dalla costruzione del gruppo e dagli esercizi di fiducia fino alla creazione sonora, si è sviluppato sull’antinomia buio/luce, forza/abbandono, apparenza/sostanza. Di cosa è fatta la luce è l’interrogativo che si pone Galileo Galilei nel testo di Bertolt Brecht a lui dedicato.
L’esito di laboratorio ha visto una messa in scena finale la sera del 25 ottobre 2020, l’ultimo giorno di apertura dei luoghi di spettacolo.

Martedì 7 settembre, La Valle degli Asini (Masseria Lamacarvotta, Laterza)

La parola in scena, lezione spettacolo su Annibale Ruccello condotta da Danilo Giuva, ingresso pubblico ore 18.30, inizio ore 19

Mamma di e con Danilo Giuva, ingresso ore 20.30, sipario ore 21

La Valle Degli Asini è a circa 15 minuti dal centro abitato di Laterza (TA)
Si consiglia di seguire le indicazioni Google per arrivare direttamente nella location.

Per info e prenotazioni 392 7438853 – 379 1674264
Il costo del biglietto per entrambi gli eventi è di €12.
É consentito l’accesso solo con GreenPass

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook

Condividi articolo tramite: