Abbiamo sempre sbagliato a innaffiare le orchidee immergendole in acqua ed ecco il metodo perfetto per evitare marciume e moscerini

Ora che l’inverno è passato, le nostre orchidee si preparano a uscire dal riposo vegetativo. É il momento giusto per fiorire per questo fiore elegante e simbolo di bellezza pura. Sono moltissime le persone che ne coltivano una in casa. Tuttavia, la cura dell’orchidea rimane per molti un mistero. Sono tante le teorie su come darle acqua, su quale vaso utilizzare e su che tipo di concime abbia bisogno. In passato abbiamo visto che in molti casi un concime biologico e casalingo a costo zero è la soluzione migliore. Per quanto riguarda l’innaffiatura, invece, con quest’articolo si potrebbe sfatare un mito. Siamo sicuri che continuare a immergere il vaso trasparente della pianta in acqua le faccia davvero bene? Probabilmente abbiamo sempre sbagliato a innaffiare le orchidee ed ecco perché. Al contempo, cercheremo di capire quale sia il modo migliore per innaffiarle.

Quando l’orchidea marcisce e fa i moscerini

L’orchidea può essere una pianta davvero delicata. Non ha bisogno di molte cure, ma l’innaffiatura è una fase fondamentale per farla crescere e vivere in salute. Infatti, se si sbaglia la giusta dose di acqua, il rischio più grande è che le radici, e poi l’intera pianta, marciscano. La presenza di marciume all’interno del vaso dipende solitamente dal ristagno di acqua. A quel punto, le radici cominceranno a diventare marroni e molli e la pianta non potrà più nutrirsi. Ecco perché, se non s’interviene velocemente, il rischio è che muoia. Un sintomo del marciume è la comparsa di moscerini che escono dal vaso della pianta. Ancora, ecco un altro sintomo che la pianta è sofferente.

Leggi anche:  Amadeus sfida Maria De Filippi: il sabato Affari tuoi e I soliti ignoti

Abbiamo sempre sbagliato a innaffiare le orchidee immergendole in acqua ed ecco il metodo perfetto per evitare marciume e moscerini

Se la nostra orchidea presenta già radici rovinate e moscerini, l’unico metodo per salvarla è pulirla e rinvasarla con della corteccia nuova. Ma per non rischiare di fare lo stesso errore e darle troppa acqua, ecco la tecnica infallibile che spiegheremo tra poco. Avremo bisogno di un bicchiere (da 150 ml circa), dell’acqua filtrata e un sottovaso o un piattino. Per un’orchidea posta in un vaso medio si avrà bisogno di soli 75 ml di acqua. Quindi, basterà riempire a metà il nostro bicchiere e versare poco a poco in un solo punto l’acqua. Quella che si accumulerà nel sottovaso andrà lasciata fino a sera e poi buttata. La pianta assorbirà l’acqua di cui ha bisogno e non rischierà marciumi e ristagni.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell’autore consultabili QUI»)

Fonte e diritti articolo

Leggi anche:  Dove è girato Un Professore e dove è ambientato?

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Sex Education 3 stagione uscita, cast e streaming!

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook