Accompagnamento e Legge 104: incredibile, nel 2023 potrebbe cambiare tutto

L’indennità di accompagnamento e la Legge 104 per gli invalidi potrebbero subire delle importanti modifiche a partire dal prossimo anno.

I titolari accompagnamento e di Legge 104 farebbero bene a rimanere aggiornati sulle proposte che riguardano tali misure. Dopo alcuni cambiamenti degli scorsi mesi, nel 2023 la situazione potrebbe ulteriormente variare.

accompagnamento
Foto Canva

Il prossimo anno, la disciplina relativa all’indennità di accompagnamento potrebbe essere interessata da notevoli cambiamenti. L’obiettivo del nuovo Governo, infatti, è sia assicurare un sussidio economico a tutti i soggetti non autosufficienti sia offrire la facoltà a tutti i disabili di scegliere se usufruire direttamente di una determinata misura assistenziale.

Questo vuol dire che i destinatari dell’indennità di accompagnamento potranno decidere se ottenere il sussidio economico mensilmente (come prevede la disciplina attuale) oppure se utilizzare un servizio di assistenza alla persona. Ma procediamo con calma ed analizziamo attentamente la questione.

Non perdere il seguente approfondimento: “Indennità di accompagnamento anche senza invalidità totale e legge 104? La verità sulla prestazione“.

Accompagnamento e Legge 104: le promesse elettorali

Durante la campagna elettorale, la coalizione di centrodestra ha più volte insistito sulla riforma della normativa dell’invalidità e della Legge 104.  Nello specifico, i punti salienti del programma elettorale erano:

  • incremento delle pensioni di invalidità;
  • miglioramento della qualità di vita, per mezzo del potenziamento dei cd. Livelli essenziali di assistenza (Lea);
  • rafforzamento di politiche destinate alla completa presa in carico dei soggetti con disabilità, anche tramite l’aumento delle risorse a ciò destinate;
  • predisposizione di ulteriori tutele per i lavoratori fragili, immunodepressi e con disabilità grave;
  • inserimento di misure specifiche per aumentare il sostegno scolastico e lo sport per tutti.
Leggi anche:  Bonus facciate 2022, come funziona e per quali lavori è previsto - ISTRUZIONI

Le possibili innovazioni della disciplina dell’invalidità

Nel 2023 potrebbe esserci anche la modifica della Legge Quadro sulle disabilità. Il dialogo, già avviato dal Governo Draghi, sostanzialmente, ha come scopo quello di introdurre un sistema di:

  • riforma delle procedure di determinazione delle disabilità;
  • semplificazione dell’accesso ai servizi sociali e sanitari;
  • potenziamento dei servizi sociali;
  • valorizzazione del lavoro di gruppi di esperti in ausilio dei soggetti con disabilità con esigenze multidimensionali;
  • promozione di progetti di vita indipendente.

Ma, per i prossimi mesi, sono previste ulteriori correzioni alla vigente normativa. Secondo alcune anticipazioni, infatti, nel 2023 potrebbe essere abolita l’indennità di accompagnamento così come la conosciamo. Bisognerà, dunque, attendere i provvedimenti ufficiali e capire in che modo verrà sostituita e quali agevolazioni verranno introdotte a favore di coloro che necessitano di cura ed assistenza continua.

Potrebbe interessarti anche il seguente articolo: “Tredicesima di dicembre: spetta sull’accompagnamento? La risposta è preoccupante“.

Indennità di accompagnamento: in cosa consiste?

L’indennità di accompagnamento è una prestazione economica erogata dall’INPS agli invalidi civili affetti da gravi patologie, che li rendono non autosufficienti e, dunque, bisognosi di assistenza continua. È prevista dalla Legge n. 18/1980. A differenza delle altre prestazioni assistenziali, l’accompagnamento non dipende da requisiti anagrafici o reddituali dell’invalido.

Leggi anche:  Dai trasporti agli hotel passando per i ristoranti: le vacanze degli italiani saranno più care. Tutti gli aumenti

Per il riconoscimento del sussidio, il richiedente deve possedere specifiche caratteristiche. In particolare:

  • essere cittadino italiani;
  • essere cittadino comunitario iscritto all’anagrafe del proprio Comune o cittadino extracomunitario con regolare permesso di soggiorno da almeno un anno;
  • possedere patologie fisiche o psichiche che comportano un’invalidità del 100%;
  • non poter deambulare in autonomia oppure non poter compiere le normali attività della vita quotidiana senza un’assistenza continua.

L’indennità di accompagnamento, tuttavia, non è compatibile con le altre indennità legate ad inabilità a causa di lavoro, guerra o servizio. Il percettore, però, ha la facoltà di scegliere di ottenere la prestazione economica più favorevole. Il sussidio, inoltre, è incompatibile anche con l’indennità di frequenza, che è rivolta ai minori di 18 anni che non sono in grado di svolgere le normali funzioni tipiche della loro età.

L’accompagnamento, invece, è cumulabile con gli ulteriori trattamenti previdenziali (ad esempio la pensione di inabilità civile) e con lo svolgimento di attività lavorativa dipendente o autonoma, senza limiti di reddito.

A quanto ammonta la prestazione?

La prestazione è versata per 12 mensilità (dunque, senza tredicesima), da parte dell’INPS, con decorrenza dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda. Il pagamento, inoltre, viene sospeso solo in caso di ricovero a carico dello Stato per un lasso di tempo maggiore di 29 giorni.

Per quanto riguarda l’importo spettante, esso viene rivalutato il 1° gennaio di ogni anno. Nel 2022, tuttavia, c’è stato un cambiamento per tutte le pensioni, in seguito all’anticipo della rivalutazione derivante dall’incremento dell’inflazione. Dunque, quasi tutti gli assegni sono aumentati.

Leggi anche:  Trova questi 2 euro e guadagni €33.000: ecco quali. “Pazzesco”

Per quanto riguarda l’indennità di accompagnamento, per l’anno in corso, l’ammontare esatto è di:

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia

  1. Telegram – Gruppo
  2. Facebook – Gruppo
  • 528,94 euro per gli invalidi civili al 100%;
  • 954,30 euro per i ciechi assoluti

Infine, è bene ricordare che il reddito scaturente da tale sussidio è esente da IRPEF e non è reversibile.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News