Acqua, basta sprechi, i razionamenti sono la malattia, non la cura: colpa di burocrazia, comitati e interessi

Acqua, basta con gli sprechi. Non possiamo più permettercelo. L’acqua è la nostra risorsa più preziosa. È un bene che rischia di esaurirsi.

Allora impegniamoci – tutti insieme – a ridurre questi sprechi, sono un crimine contro l’ambiente e l’umanità.  Questa tendenza folle  deve essere invertita responsabilizzando noi cittadini, incalzando il governo, pungolando le imprese a trovare soluzioni.

Qualcosa si sta muovendo. La siccità che ha colpito l’Italia ha portato  in primo piano la gravità del problema. Se ne discute ovunque. Ed emergono dati, per anni ignorati o sottovalutati, che fanno impressione. Dati inimmaginabili. Ad esempio: in Italia sprechiamo 104.000 litri d’acqua al secondo, sono 9 miliardi di litri al giorno ! E ancora:  il 40% dell’ acqua potabile che scorre lungo i 500 mila km di rete di acquedotti va perduta. La rete è un colabrodo. Tutti se ne lamentano e nessuno fa niente. Gatta ci cova.

E LA POLITICA HA PAURA DECIDERE

Tubi che fanno acqua, impianti bloccati, siccità , crisi energetica, burocrazia, comitati del no, interessi di parte, eccetera.  Risultato: stop a progetti cruciali,  dai gasdotti alle dighe. Manutenzione ignorata, rischi idrogeologici aumentati, invasi insufficienti e in cattive condizioni.  Morale: stiamo galoppando verso il razionamento dell’acqua, gas, energia elettrica. E la Politica che fa? Poco o niente.

Leggi anche:  Avviato il progetto PUC per i bagni pubblici a Savelletri e Torre Canne 

Non decide. Ha paura “dell’Esercito del no”. Si blocca in sterili bla bla. Ascolta e tace anche di fronte a scemenze spacciate per verità scientifiche. Esempio: quando nella primavera del 2021 il governo aveva detto di voler riprendere le trivellazioni in Adriatico se l’è vista brutta di fronte alle proteste di sindaci e ambientalisti che urlavano “Addio turismo e vongole”. E così i buoni propositi sono finiti a donne di facili costumi.

PER ORA SUL BISOGNO DI ACQUA VINCONO LE CONTESTAZIONI

L’elenco delle proteste è robusto e fantasioso. C’è di tutto: l’eolico non piace perché le pale sono brutte; le pale in Adriatico poi portano pericolosa plastica. Già dal primo progetto (2017) – qualche pala di fronte alle spiagge del Molise –  le cose sono andate male. Intervenne il molisano Antonio Di Pietro al grido “la regione ha pochi chilometri di costa, non possono rovinarceli”.

Leggi anche:  Meraviglie dove vedere le puntate in tv, streaming, replica

E davanti a tanta autorevolezza  il progetto si è dissolto. Idem il progetto umbro di Castel San Giorgio (7 aerogeneratori). E che dire del progetto di riconversione della centrale a olio combustibile di San Filippo del Mela (6 km da Milazzo) attiva dal 1971? No. Non si fa. Ordine del TAR di Palermo. Motivo: il biogas fa cattivo odore.

Stessa motivazione per il progetto di Pozzallo (Ragusa). No anche alle pale eoliche da 170 metri nel Mugello. Troppo alte.  Parola della Soprintendenza. “Rovinano il paesaggio”.

La morale è che da vent’anni la Politica si è “baloccata sul nulla” (copyright P. De Robertis), come il reddito di cittadinanza, i  bonus e compagnia bella.  È già iniziata la decrescita infelice. E i razionamenti in corso (a Milano chiuse anche le fontane) sono la malattia, non la cura.

Leggi anche:  Turismo, i viaggi escono dal carrello della spesa Coop: Gattinoni compra Robintur

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook