Afghanistan. Giornalisti afghani descrivono le torture subite dai talebani

Condividi articolo tramite:

– Advertisement –

La giornalista video Nemat Naqdi e l’editor video Taqi Daryabi del canale di notizie online afghano EtilaatRoz hanno affermato di essere state arrestate mentre seguivano una protesta delle donne contro il coinvolgimento del Pakistan in Afghanistan e a sostegno dei diritti delle donne che ha avuto luogo mercoledì.

La protesta era fuori da una stazione di polizia e Naqdi e Daryabi hanno detto di essere stati portati all’interno della stazione e duramente picchiati.

“Mi stavano colpendo con una forza estrema che pensavo davvero che questa fosse la fine della mia vita”, ha raccontato Naqdi. 

“Mi hanno colpito al braccio con una forza estrema che non riuscivo a muoverlo negli ultimi due giorni … è migliorato. Il mio occhio sinistro è stato ferito gravemente che è ancora rosso, e sono preoccupato, il mio sinistro l’orecchio non può ricevere alcun udito. Emette un ronzio. Mi hanno dato quattro o cinque schiaffi molto duri sulla mia faccia.”

“Hanno calpestato la mia testa dall’altra parte e stavano premendo il piede sulla mia testa, la mia faccia era sul pavimento a mosaico, e stavo cercando di tirarmi a causa del dolore e di dire loro di colpirmi da tutti i lati e non solo mi ha colpito sulla schiena. Per questo motivo, la mia faccia era insanguinata”, ha detto ancora. 

“Usavano una tale violenza che uno mi teneva per la testa e il viso e un altro mi teneva per la vita. Avevo mani e piedi legati e uno di loro mi spingeva le gambe come una fionda. Avevo la sensazione che il mio il collo potrebbe rompersi o la mia schiena potrebbe rompersi”, ha aggiunto Naqdi.

“Quando le forze talebane ci hanno arrestato e portato alla stazione di polizia, mi hanno torturato continuamente per circa 10 minuti anche se non ero nello stato per ricordare l’ora esatta. Mi hanno colpito con qualsiasi cosa potessero afferrare”, ha detto Daryabi. .

“È possibile che d’ora in poi i talebani minaccino e torturino i giornalisti. La continuazione delle loro attività sarà considerata un pericolo per il loro governo”, ha aggiunto Daryabi.

“Hanno dichiarato ai giornalisti in conferenza stampa che sarà loro concesso il permesso di continuare con le loro attività ma solo sotto le regole islamiche. Credo che quelle minacce siano ancora presenti. I giornalisti non si fermeranno, sono un settore diverso della società , e sono persone che trasmettono la voce della popolazione”, ha aggiunto Daryabi. “Essi diventano la voce della gente”.

Zaki Daryabi, caporedattore di EtilaatRoz, ha dichiarato  di sperare che “nella prima fase, la leadership talebana avrebbe risposto a questa continua e brutale tortura dei nostri colleghi; e avrebbe rimproverato coloro che avevano commesso questo crimine e atto di tortura nel terzo distretto di polizia; li sottoporrebbero a procedimenti giudiziari [legali]”.

“In secondo luogo, ci aspettavamo che i media afghani e internazionali non presentassero questo come un attacco a EtilaatRoz [quotidiano]; presentarlo è come un attacco a tutti i media e alla discussione sulla libertà di espressione”. 

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte notizie di attualità e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli del giorno da fonti attendibili, così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e sui contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook

Condividi articolo tramite: