Aiuti alle industrie che tagliano del 20% i consumi di energia

Aiuti mirati al taglio dei consumi energetici e alla decarbonizzazione dei processi produttivi: arriva con l’applicazione del Temporary framework europeo una prima mossa del governo uscente sul fronte del caro energia. Sono interessate le imprese che saranno in grado di presentare progetti per il risparmio di energia e l’uso di una fonte alternativa quale l’idrogeno nel processo industriale.

Nuovo contratto di sviluppo

Le aziende potranno candidarsi per accedere a un nuovo contratto di sviluppo, al quale si applicherà la sezione 2.6 del Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato approvato dalla Commissione Ue per fra fronte ai danni economici della guerra in Ucraina.

Il decreto ministeriale Mise

I dettagli sono contenuti in un decreto ministeriale appena firmato dal ministro dello Sviluppo economico (Mise), Giancarlo Giorgetti. L’Italia avrebbe rischiato di non sfruttare l’opportunità aperta dalle regole europee con la sezione 2.6 approvata lo scorso 20 luglio, di qui l’emanazione del provvedimento, in chiusura dell’esperienza del governo Draghi, che consente di applicare il nuovo regime fino al 30 giugno 2023. «Le aziende colpite dai danni per la guerra – dice Giorgetti – ora potranno contare su altre misure che agevolano programmi e innovazioni per la tutela ambientale. Un sostegno per l’industria stretta tra gli effetti negativi della guerra e il caro energia».

Leggi anche:  Green pass Italia, solo scuola su tavolo Cdm

Strumento di politica industriale

I contratti di sviluppo sono il principale strumento di politica industriale gestito da Mise e dalla società in-house Invitalia, basato su un mix di finanziamento agevolato, contributo in conto interessi, contributo in conto impianti e contributo diretto alla spesa da negoziare tra ministero e azienda. Ora potranno finanziare anche progetti per «accelerare il percorso di decarbonizzazione delle attività industriali, in particolare attraverso l’elettrificazione e le tecnologie che utilizzano idrogeno rinnovabile e idrogeno elettrolitico» e interventi di «efficientamento energetico».

Scopri di più

I requisiti per i programmi di sviluppo

I programmi di sviluppo ammissibili, anche in funzione di ridurre la dipendenza dal gas importato dalla Russia, devono essere volti a a un taglio sostanziale del consumo di energia nei processi produttivi e a una riduzione di CO2 derivante dalle attività industriali che attualmente fanno affidamento sui combustibili fossili. Bisognerà raggiungere una riduzione di almeno il 40% delle emissioni dirette di gas a effetto serra mediante l’elettrificazione dei processi produttivi o l’utilizzo di idrogeno rinnovabile e di idrogeno elettrolitico in sostituzione del gas come fonte di energia o materia prima. Oppure andrà tagliato di almeno il 20% il consumo di energia in relazione alle attività sovvenzionate. In entrambi i casi i progressi devono essere rapportati alla media dei cinque anni precedenti.

Leggi anche:  L'esperienza del governo Draghi è finita e ora bisogna andare a votare, dice il leghista Molinari

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Villa San Giovanni, l'amministrazione: 'un mese di impegno serio per cominciare a riportare regolarità nella gestione amministrativa della città'

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook