Alitalia. Paolo Capone (UGL): “Indegno manganellare lavoratori. Governo non faccia orecchie da mercante”

Condividi articolo tramite:

– Advertisement –

– Advertisement –

AgenPress. “La scelta irresponsabile dell’azienda Ita di abbandonare i lavoratori al proprio destino ha esasperato la tensione sociale. La vicenda, tuttavia, sembra aver assunto contorni inquietanti che vanno ben oltre la mera crisi aziendale.

Oggi la polizia ha manganellato madri e padri di famiglia che manifestavano tutta la loro rabbia davanti l’aeroporto di Fiumicino. Una risposta inaccettabile ed indegna di fronte al dramma di intere famiglie a rischio licenziamento. Come Sindacato UGL chiamiamo il Governo ad un atto di responsabilità.

Non è possibile chiudere gli occhi davanti alla disperazione di cittadini che chiedono di essere ascoltati. Il Governo non faccia orecchie da mercante e intervenga immediatamente per trovare quanto prima una soluzione a questa vertenza. Come UGL, continueremo a pretendere tutele e diritti per i lavoratori di Alitalia”.

Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito alle proteste dei lavoratori di Alitalia presso l’aeroporto di Fiumicino.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte notizie di attualità e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli del giorno da fonti attendibili, così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e sui contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook

Condividi articolo tramite: