Amnesty mette in guardia la F1 sul record di diritti umani sauditi di “lavaggio sportivo”


Una gara su strada a Jeddah è nel programma provvisorio del 2021 che è stato mostrato ai capi squadra in una riunione della Commissione F1 lunedì.

Lungo termine ci sono piani per tenere la gara al complesso di intrattenimento Al-Qiddiya che si sta costruendo a Riyadh.

La F1 ha già stretto stretti legami attraverso il paese attraverso il gigante petrolchimico saudita Aramco, uno dei suoi principali partner commerciali. La società è stata anche sponsor del titolo di gare, inclusi i GP di Ungheria e Spagna di quest’anno.

L’Arabia Saudita ha già ospitato eventi automobilistici internazionali, con le gare di Formula E che si sono svolte per la prima volta sulle strade di Riyadh nel dicembre 2018.

Amnesty ha condotto a lungo una campagna contro le violazioni dei diritti umani in Arabia Saudita e ha sottolineato i legami del Paese con lo sport.

All’inizio di quest’anno ha messo in guardia contro un’acquisizione alla fine fallita del Newcastle United FC da parte di interessi sauditi tramite il fondo sovrano del paese, noto come Fondo per gli investimenti pubblici, che possiede anche Aramco.

PIF ha speso molto a livello internazionale quest’anno e ha preso di mira attivamente le aziende che sono state colpite dalla crisi del Covid-19.

Ha dichiarato nuovi interessi in una serie di nomi importanti, tra cui Uber, BP, Boeing, Citigroup, Facebook, Marriott, Disney, Cisco, Bank of America, Shell, Total, Qualcomm, IBM e Starbucks. Ha anche annunciato una partecipazione di 418 milioni di dollari in Live Nation, una società sorella di F1.

La notizia di questa settimana di una potenziale gara di F1 nel paese ha generato una rapida risposta da parte dell’organizzazione di Amnesty.

“La Formula 1 dovrebbe rendersi conto che un Gran Premio dell’Arabia Saudita nel 2021 farebbe parte degli sforzi in corso per spazzare via il record abissale dei diritti umani del paese”, ha detto Felix Jakens, capo delle campagne di Amnesty International UK.

“Il tentativo fallito di acquistare il Newcastle United ovviamente non ha scoraggiato le autorità saudite, che a quanto pare vedono ancora lo sport d’élite come un mezzo per rinominare la loro reputazione gravemente offuscata.

“Nonostante la fanfara sulle donne saudite finalmente autorizzate a guidare un’auto senza essere arrestate, le autorità hanno recentemente rinchiuso e torturato diverse importanti attiviste per i diritti delle donne – tra cui Loujain al-Hathloul e Nassima al-Sada.

“Se va avanti un Gran Premio dell’Arabia Saudita, almeno la F1 dovrebbe insistere sul fatto che tutti i contratti contengano standard di lavoro rigorosi in tutte le catene di fornitura e che tutti gli eventi di gara siano aperti a tutti senza discriminazioni.

Jakens ha chiesto il supporto degli stakeholder dello sport: “In vista di una gara a Gedda, esortiamo tutti i piloti, i proprietari e i team di F1 a considerare di parlare della situazione dei diritti umani nel paese, anche esprimendo solidarietà con i detenuti. difensori dei diritti umani “.

Leggi anche:

Alla domanda sulle opinioni di Amnesty, F1 non ha commentato specificamente l’Arabia Saudita, sottolineando che l’evento non è stato annunciato ufficialmente.

Tuttavia un portavoce ha sottolineato che l’organizzazione mantiene un focus sulle questioni dei diritti umani, dicendo a Motorsport.com: “Per decenni la F1 ha lavorato duramente per essere una forza positiva ovunque gareggi, compresi i benefici economici, sociali e culturali.

“Gli sport come la F1 sono in una posizione unica per attraversare confini e culture per riunire paesi e comunità per condividere la passione e l’entusiasmo di una competizione e di risultati incredibili.

“Prendiamo molto sul serio le nostre responsabilità e abbiamo reso chiara la nostra posizione sui diritti umani e su altre questioni a tutti i nostri partner e paesi ospitanti che si impegnano a rispettare questi diritti nel modo in cui i loro eventi sono ospitati e tenuti”.

Presentazione del Gran Premio di Qiddiya

Presentazione del Gran Premio di Qiddiya

Foto di: Qiddiya Grand Prix

Video correlato

One thought on “Amnesty mette in guardia la F1 sul record di diritti umani sauditi di “lavaggio sportivo”

  • Pingback: Diritti calpestati dall'etica di facciata, le insidie del <i>rightswashing</i> | Voci Globali

I commenti sono chiusi.