Assegno unico, i dati Inps: in 4 mesi versati 4,8 miliardi di euro a 5,3 milioni di famiglie

L’Inps, l’Istituto nazionale della previdenza sociale, fra marzo e giugno ha versato 4,8 miliardi di euro per l’assegno unico e universale destinato a 5,3 milioni di famiglie per 8,5 milioni di figli. Lo si legge nell’Osservatorio sull’assegno unico. L’importo medio mensile per richiedente è risultato pari a 232 euro ed è stato pagato in media per 1,6 figli per ciascun richiedente. L’importo per ciascun figlio è risultato, in media, di 145 euro. Circa il 46% degli assegni pagati per figlio si riferisce a beneficiari appartenenti a nuclei con Isee inferiore ai 15mila euro: viene perciò erogato il massimo del contributo. Più del 20% dei figli appartiene invece a nuclei familiari che non hanno presentato Isee e quindi hanno avuto l’importo minimo (50 euro al mese a figlio). Mancano i dati relativi alla stessa misura erogata ai nuclei beneficiari di Reddito di Cittadinanza che saranno ricompresi nell’Osservatorio una volta completata l’integrazione statistica delle fonti.

Con riferimento ai pagamenti svolti nel mese di giugno, l’importo medio per figlio va da 50 euro per chi non presenta Isee o supera i 40mila euro, a 194 euro per le classi di Isee fino a 15mila euro. A giugno, la concentrazione di importi più elevati si ha al Sud (il valore massimo pari a 166 euro per ciascun figlio si registra in Calabria) mentre gli importi meno consistenti si registrano al Centro e al Nord (il valore minimo si registra nella Provincia autonoma di Bolzano dove per ciascun figlio si ha in media un importo mensile per figlio pari a 131 euro).

Leggi anche:  Gruppo FS impegnato per tracciare il percorso della mobilità sostenibile

Il contributo è stato pensato per sostituire tutte le altre misure di aiuto alle famiglie, come ad esempio i bonus. Viene erogato dall’Inps sul conto corrente e riguarda sia i lavoratori autonomi sia i dipendenti, che potranno impiegarlo per accompagnare i figli dal settimo mese di gravidanza fino ai 21 anni. Era destinato a una platea di sette milioni di persone. Non tutti gli aventi diritto, perciò, hanno scelto di richiederlo: per questo motivo è prevista una riduzione di 630 milioni alla dote per il 2022. Lo prevede l’ultima bozza del decreto aiuti bis, ancora soggetta a modifiche. La sforbiciata arriva, appunto, in seguito al “monitoraggio al 30 giugno” della spesa che l’Inps effettua ogni mese, come previsto dalle norme che hanno istituito l’assegno, “anche in via prospettica sulla base delle domande pervenute e accolte”.

Leggi anche:  Riforma pensioni 2022/ Arriva la proposta di quota 103 e forse a Draghi non piace

La misura è stata a lungo discussa. Un’analisi della Fondazione studi consulenti del lavoro aveva per esempio messo in luce le problematiche derivanti dalla scelta di adottare l’Isee come parametro di riferimento. Il rischio, si leggeva nel testo, è che l’assegno vada “a vantaggio delle fasce più alte di reddito” e veniva invece sottolineata l’importanza di correttivi che “tengano in maggiore considerazione la conformazione delle famiglie italiane, per le quali l’abitazione di proprietà e i piccoli risparmi non sono sintomo di lusso e di ricchezza, ma solo di grandi sacrifici personali”.

Articolo Precedente

Aiuti bis, i calcoli Uil: con il nuovo taglio del cuneo solo 6 euro al mese in più per chi ne guadagna 8mila lordi, 27 per chi ne prende 35mila

next

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook