Assegno unico universale, domande entro il 30 giugno per ottenere anche gli arretrati

Gli aventi diritto all’assegno unico universale possono ancora presentare la domanda per ottenere anche gli arretrati, ma il tempo sta per scadere.
I soggetti che non lo hanno ancora richiesto, infatti, possono presentare la domanda in qualsiasi momento ma, se la stessa viene fatta entro il prossimo 30 giugno, è possibile ottenere gli assegni di tutti i mesi passati.
Oltre tale data, il sostegno sarà erogato dal mese successivo a quello di presentazione, senza arretrati. Vediamo meglio di cosa si tratta e a chi spetta il beneficio

Assegno unico universale cos’è e a chi spetta

L’Assegno unico universale, sostanzialmente, è un contributo a favore delle famiglie con figli a carico.
L’Assegno base, per un solo figlio e con ISEE fino a 15 mila euro, è pari a 175 euro al mese, ma l’importo del sussidio è parametrato in base a diversi fattori: Isee familiare, figli con disabilità, madri di età inferiore ai 21 anni ecc.
Per conoscere l’importo dell’assegno ancora prima di presentare la relativa domanda, L’INPS ha messo a disposizione sul proprio sito un simulatore per il calcolo.
È possibile fare richiesta per l’assegno unico familiare, a partire dal 1° gennaio 2022, direttamente all’Inps o agli istituti di patronato; mentre, per i nuclei familiari percettori di Reddito di cittadinanza, l’Inps corrisponde l’assegno d’ufficio e non sarà necessario effettuare alcuna nuova richiesta.

Leggi anche:  Adriano Celentano e il Covid, che polemica: spacca in due i social

Per ottenere gli arretrati, bisogna presentare la relativa istanza entro il 30 giugno

Come già accennato, per le domande presentate a gennaio e febbraio, i pagamenti sono iniziati a marzo. Per le domande presentate dal 1° marzo in poi, il pagamento viene effettuato alla fine del mese successivo a quello di presentazione della domanda.

Per chi presenta la domanda entro 30 giugno 2022, l’Assegno spetta con tutti gli arretrati a partire dal mese di marzo 2022.
Infine, per le domande presentate dopo il 30 giugno, l’Assegno decorre dal mese successivo a quello di presentazione della domanda, ma in quest’ultimo caso, il richiedente non avrà diritto ad alcun arretrato.
La domanda per l’Assegno unico e universale è annuale e può essere presentata a partire dal 1° gennaio 2022 da uno dei due genitori, attraverso il sito INPS, ovvero chiamando il contact center tramite patronati.

Leggi anche:  Lavoravano 'in nero', e percepivano il reddito di cittadinanza: 5 denunciati

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  GdF Chieti, bilancio operativo dal 1° gennaio 2021 al 31 maggio 2022

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook