Aumento degli statali in busta paga: ecco da quando. “Pazzesco”

Il ruolo dei dipendenti delle Funzioni centrali, solitamente chiamati in senso generico statali è a dir poco fondamentale per gestire i numerosi organi dello stato, ossia gli Enti Pubblici non economici (INPS, ACI, INAIL, CRI ecc.) ma anche e sopratutto i Ministeri e le agenzie fiscali. Anche si tratta per l’appunto di dipendenti dello stato, hanno un regolare contratto che viene generalmente rinnovato in maniera definita, e nell’ottica di fronteggiare il caro vita e altri fenomeni come l’inflazione ad ogni rinnovo del contratto sono presenti gli aumenti e i vari “scatti” per remunerare il maggior grado di competenza professionale acquisito dai dipendenti.

Aumento degli statali in busta paga: ecco da quando. “Pazzesco”

Dopo un periodo di trattative per il rinnovo del contratto è stato formalizzato in linea di massima lo scorso gennaio ma è stato reso ufficiale nei primi giorni di maggio 2022: gli interessati sono i circa 225mila dipendenti che fanno parte delle Funzioni Centrali che oltre a ricevere degli aumenti in busta paga proporzionati al proprio livello e “inquadramento” professionale, percepiranno anche gli arretrati legati all’ultimo triennio, ossia dal 2019 al 2021.

Leggi anche:  Sky diffonde i character poster di House Of The Dragon

Gli aumenti in busta paga sono calcolati in base alle aree di competenza, da un minimo di 63 euro (per i dipendenti della prima area) ad un massimo di 117, in questo caso per l’ispettore generale. Gli aumenti saranno erogati in “ritardo” rispetto agli arretrati, a causa del tardivo accordo di firma: i primi saranno percepiti a partire dalla busta paga di luglio, mentre gli aumenti saranno già “ufficiali” in questa mensilità.

Arretrati che calcolati sulla base lorda saranno conseguentemente calcolati anche in questo caso in base alle aree, e l’importo oscilla vanno dai 1.395 per un impiegato della prima area a 2.612 euro per gli ispettori generali.

Leggi anche:  Se trovi queste Lire con l’errore di conio sei ricco: FOTO

Per la prima volta in assoluto in un contratto collettivo, sono stati identificati distintamente lo “smart working” ed il “lavoro da remoto”.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Uomini e Donne anticipazioni puntata 21 settembre: Ida ha dubbi su Graziano

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook