‘Aziende senza fondamenta contro la selezione darwiniana’

Correva l’anno 2004 e a Palazzo Torriani di Udine si discuteva di competitività. L’allora presidente di Confindustria Udine, Giovanni Fantoni, aveva incaricato Cristiana Compagno, docente di Economia e gestione delle imprese all’ateneo friulano (che poi ne sarebbe diventata rettore), d’individuare i punti di forza e quelli di debolezza. A 18 anni di distanza, chiediamo alla stessa Compagno se quelle indicazioni sono state seguite.

Cosa le chiese nel 2004 Confindustria? “Chiese a me e al mio gruppo di ricerca di analizzare le caratteristiche distintive del settore manifatturiero della nostra regione e il suo ruolo di traino nello sviluppo regionale. La ricerca si focalizzò sugli indicatori di specializzazione e sul moltiplicatore d’impatto del manifatturiero nell’intera economia regionale. In estrema sintesi, i dati evidenziarono come il manifatturiero e, in particolare, i settori di legno e arredo, meccanica, cantieristica, metallurgia e siderurgia contribuissero sensibilmente alla creazione di valore a livello di tutto il Friuli Venezia Giulia. E questo soprattutto se i dati venivano analizzati in termini di moltiplicatore d’impatto del manifatturiero, che studia le interdipendenze economiche tra settori”.

Leggi anche:  Pagata 2 euro l'ora nello studio del commercialista. Lo sfogo di Claudia, 22 anni: 'Poi danno la colpa al reddito di cittadinanza'

Che conclusioni fece emergere la sua ricerca? “Fece emergere la centralità economica del manifatturiero a livello regionale, con un forte moltiplicatore di impatto su tutti gli altri settori e in particolare sul settore del terziario. Un settore, questo, fortemente in crescita ma al ‘servizio’ del manifatturiero. Le indicazioni di policy che derivarono da questa ricerca furono quelle di sostenere lo sviluppo e l’ammodernamento del settore in questione”.

Secondo lei in tutti questi anni è stato fatto qualcosa? “Certamente le policy sviluppate a livello regionale hanno contribuito a favorire le condizioni per uno sviluppo innovativo del sistema manifatturiero. Tuttavia lo sviluppo di un sistema è la risultante di una pluralità di attori di natura sia esogena sia endogena. Dal 2004 si sono verificate almeno tre grandi crisi sistemiche: crisi finanziaria globale del 2008, crisi economica e del settore del credito a partire dal 2011, crisi pandemica 2020 e, non ultima, la crisi derivante dal conflitto ucraino. Alle crisi sistemiche di natura esogena, che naturalmente hanno messo sotto stress il nostro manifatturiero, si aggiunge un grave impoverimento demografico, sia in termini di saldo netto della popolazione attiva sia di disponibilità di capitale umano qualificato. La nostra regione, più di altre, perde sistematicamente competenze qualificate che trovano impiego altrove, sia in altre regioni italiane sia all’estero. Tutto ciò si traduce in un inasprimento delle condizioni competitive per le singole imprese e per l’intero sistema industriale che purtroppo sembra condurre a un modello di selezione competitiva delle imprese sempre più darwiniana”.

Leggi anche:  Soldi in più e 4 mesi di arretrati subito per questi titolari del reddito di cittadinanza con o senza modello al 30 giugno

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook