Bancomat, ecco da quando non si potrà più prelevare: “attenzione”

Il contesto dei pagamenti digitali è in grande evoluzione e continuo cambiamento, anche se molti non hanno ancora preso coscienza di ciò. La motivazione è principalmente legata ad una necessità sempre più costante di “convertire” il concetto di valuta monetaria dal denaro fisico a quello elettronico, quindi bonifici, carte, e bancomat. La strada del resto è già tracciata e anche se il Bancomat ha iniziato a diffondersi a partire dagli anni 80 del secolo scorso, anche questo strumento si trova già al centro di un denso cambiamento.

Meno “cash”

La motivazione è semplice: i contanti sono infatti considerati obsoleti in quanto non tracciabili in modo autonomo come le forme di pagamento elettronico, e anche se il nostro paese si dimostra essere più “difficile da convincere” in merito a questa forma di cambiamenti, gradualmente la maggior parte della popolazione comprende in vantaggi pratici e legati alla sicurezza, della moneta elettronica, a partire dai giovani. Le banche del resto seguono parallelamente questa linea, in quanto le filiali fisiche sul territorio nazionale sono meno presenti in quanto meno necessarie: molte operazioni come l’invio e la ricezione di bonifici può tranquillamente essere effettuata  in modo autonomo, quindi il ruolo della banca fisica, pur restando importante, è meno fondamentale.

Leggi anche:  É sempre mezzogiorno | Ricetta risotto Yanez di Sergio Barzetti

Bancomat, ecco da quando non si potrà più prelevare: “attenzione”

Con meno contante “in giro”, si riduce anche la necessità di avere a disposizione un numero importante di ATM: non è un caso che molti istituti bancari abbiano già scelto di dismettere i propri ATM per motivi legati ai costi, come ad esempio ha già fatto il gruppo ING (della quale fa parte anche Conto Arancio) e come hanno in programma di fare anche altre banche nostrane.

Il processo è in realtà già iniziato da diversi anni, ma almeno per un altro decennio il contante continuerà a rappresentare la normalità: ecco perchè bisognerà aspettare almeno 10 anni per “mandare in pensione” in maniera definitiva il concetto di prelievo.

Leggi anche:  Bancomat, la comunicazione ufficiale: stop ai prelievi da questa data

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Quando esce Toy Boy 2 su Netflix?

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook