Bancomat, la notizia è stata appena confermata: cosa succede?

C’è movimento nel mondo di Bancomat: sono diverse le novità di questi ultimi mesi legati alla gestione del denaro. Il 2022 è un anno importante per almeno due motivi. La prima è la notizia dell’obbligatorietà del POS per tutti gli esercenti. La seconda invece è una decisione che l’Antitrust si è riservata di rimandare al prossimo 31 Ottobre.

Ad accompagnare queste due notizie, la consapevolezza che le ultime decisioni del governo Draghi consentiranno alle autorità un monitoraggio “accessorio” della movimentazione Bancomat dei correntisti. Le abitudini potrebbero essere monitorate per verificare le compatibilità dell’utilizzo dei soldi delle persone con le proprie dichiarazioni dei redditi. Approfondiamo in breve ogni aspetto.

Bancomat, è già arrivato il POS obbligatorio per tutti

Dal 30 Giugno 2022 è obbligatorio il possesso del POS per i commercianti, esercenti e professionisti da mettere a disposizione dei propri clienti per importi di qualsiasi dimensione. Vale per tutti i negozianti ma, ad esempio, anche per i tassisti. E sono già attive multe per chi si rifiuta di utilizzarlo.

Leggi anche:  Non disinfettare le chiavi di casa e lavare i vetri quando c’è il sole sono due dei 10 errori che commettiamo nelle pulizie di casa ma ecco come rimediare

La sanzione è di 30 Euro più il 4% della somma da incassare. La multa però scatta soltanto se il cliente chiede di utilizzare il POS e il commerciante si rifiuta di rispondere alla richiesta. Nessuna sanzione è prevista in caso di malfunzionamento, che deve essere eventualmente verificato dai finanzieri.

Commissione interbancaria: cosa succede

Il 31 ottobre 2022 l’Antitrust deciderà della proposta avanzata da Bancomat e dalle Banche di eliminare la procedura interbancaria per l’applicazione della commissione al prelievo da parte dei clienti. La proposta prevede l’addebito diretto al cliente che preleva, invece che il costo determinato dalla richiesta della banca dove il prelievo viene effettuato a quella dove il cliente detiene il conto.

Attualmente la commissione interbancaria ha un massimo previsto di 0.50 centesimi. Poi le banche aumentano tale costo al cliente finale per la gestione delle pratiche: la maggioranza dei clienti paga oggi 2 Euro per il prelievo da uno sportello diverso da quello della propria banca. La decisione è complessa, perché Bancomat e le Banche chiedo un aumento del massimo delle commissioni fino a 1.50 Euro, e il timore è che il costo di prelievo cresca a dismisura. Con l’addebito diretto però sparirebbero i costi di gestione: le banche saranno disposte a rinunciarvi?

Leggi anche:  É sempre mezzogiorno | Ricetta crostata con gelo di mandarini di Fabio Potenzano

Abitudini al Bancomat, poteri di controllo amplificati

La creazione della Super Anagrafe dei Conti Correnti, lo strumento pensato e realizzato per combattere in modo ancora più efficace il riciclaggio e l’evasione fiscale, garantisce alle Autorità la possibilità di incrociare ulteriormente i dati fiscali delle persone monitorando le loro abitudini di utilizzo del Bancomat, soprattutto per il prelievo di contante.

Un improvviso aumento o calo del numero di prelievi di contante, infatti, può suggerire uno spostamento di denaro non autorizzato o fuori dal monitoraggio fiscale. Troppi prelievi ravvicinati o troppo pochi rispetto alla tipologia di vita e di lavoro di una data persona, possono far scattare i controlli del fisco. Gli altri limiti già noti sono quelli del pagamento in contanti fino a 1000 Euro, e del prelievo massimo di 10mila euro in un mese dal conto: in questi casi gli operatori finanziari sono autorizzati ad effettuare delle verifiche in prima persona.

Leggi anche:  É sempre mezzogiorno | Ricetta treccia di patate di Romana Bacarelli


Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook