Beowulf: Return to the Shieldlands, intrighi e giochi di potere a Heorot

Condividi articolo tramite:

“Alcuni dicono che gli eroi sono nati, altri che sono stati creati”.
Così introduce il tutto la voce narrante all’inizio di Beowulf: Return to the Shieldland.

Beowulf: Return to the Shieldlands è una serie britannica al debutto, per la prima volta in Italia, su Serially il 25 dicembre 2021. Uscita nel suo Paese di produzione il 3 gennaio 2016 su ITV, si aggiunge al catalogo della prima piattaforma italiana esclusivamente dedicata alle serie televisive visibili in streaming a costo zero. Sono dodici gli episodi che compongono la stagione 1, di cui a Natale approda in Italia la prima parte su Serially.

La locandina di “Beowulf: Return To The Shieldlands” con Kieran Bew (Beowulf). Credits: Serially

Beowulf: Return to the Shieldlands è un vero e proprio regalo di Natale per tutti coloro che amano le serie tv e non sono necessariamente fan dei teen drama. Con questo titolo il catalogo di Serially si apre anche a un pubblico più adulto, che si lasci incantare da una storia spettacolare.

Per la regia di James Dormer, questa serie è una chicca del genere fantasy. Definita da Digital Spy come una Game of Thrones per i più sensibili (o “schizzinosi”), può accontentare tutti. La stessa sigla ricorda l’adattamento televisivo della saga di George R. R. Martin. Alcune battute, già nel primo episodio di Beowulf: Return to the Shieldlands non possono non risultare familiari a chi ha seguito la serie targata HBO, un esempio su tutti: “Non oggi”, espressione tipica della piccola Arya ne Il trono di spade. Beowulf: Return to the Shieldlands è un racconto che ha i numeri per tenere incollati allo schermo grandi, più piccini e coloro che non sono riusciti a guardare Il trono di spade perché troppo cruento. In questo caso non mancano le battaglie, ma con riserva sull’eccessiva violenza…

Leggi Anche |  UNA VITA 1-7 febbraio 2021 anticipazioni e trame spagnole

La dimensione fantasy ha la meglio sul sangue: Beowulf: Return to the Shieldlands ci catapulta in un mondo che può far impazzire i fan de Il Signore degli Anelli. La fotografia e l’ambientazione ricordano i film della saga e non è un caso. Alla radice c’è lo stesso poema epico antico.

La serie, infatti, trae spunto dal poema epico Beowulf che si pensa essere stato scritto tra l’VIII e il XI secolo. Nonostante questo legame con la letteratura, il team produttivo di Beowulf: Return to the Shieldlands confeziona un prodotto del tutto originale, con una trama avvincente e tutta da scoprire.

Di cosa parla Beowulf: Return to the Shieldlands, quindi? Come suggerisce il titolo originale, del ritorno di Beowulf (Kieran Bew) a Heorot. Fin da quando è bambino dimostra il suo coraggio e il re Hrothgar (William Hurt) è sicuro che non sarà dimenticato. È il più celebre eroe dei Geati e non rimette piede in quella terra in solitaria: con lui c’è il ladruncolo Breca (Gísli Örn Garðarsson). La vicina dipartita del padrino, proprio Hrothgar, è l’occasione per Beowulf di tornare a casa, a dispetto del suo esilio. Questa scelta non è priva di strascichi. Anzi, non appena si reca a palazzo viene ordinata la sua morte. Si difende: vince sull’avversario, ma è arrivato tardi. Il suo padrino è già deceduto. Rheda (Joanne Whalley), la moglie del defunto non lo ammette nemmeno nel luogo dove si trova il corpo, almeno in un primo momento.

Leggi Anche |  Valentina e Tommaso, vi presentiamo la seconda coppia di Temptation Island

Cosa è successo tra i due? Perché quella che era la sua casa “e sempre lo sarà” adesso è abitata da persone a lui così ostili? Beowulf sa un segreto che Hrothgar gli ha confidato quando era ancora un bambino…

Grazie ad alcuni flashback, in primis quello che ci mostra il ricordo di Beowulf nella hall del palazzo, ci fa scoprire i risvolti di questa complicata relazione. La posizione di Beowulf peggiora quando viene accusato di omicidio. C’è lui di fianco a un corpo senza vita, ma un uomo non può essere condannato senza prove. Nel frattempo, non c’è un minuto da perdere: va designato il successore di Hrothgar. Sarebbe stato suo diritto sceglierlo… Il punto è: puó una donna, Rheda, comandare? “Non saró mai Hrothgar”, ammette lei. “Ma comanderó”, aggiunge con certezza nella sua voce. Non sarà facile e dovrà conquistare il suo ruolo per poi difenderlo a ogni costo.

Heorot, in passato patria dei Figli del Fango e dei Giganti, diventa una terra dilaniata da amori, intrighi, eventi inaspettate e giochi di potere che possono capovolgere lo status quo in qualunque momento.

Che si sguaino le spade, che sia tutto pronto per combattere perché il comando non si conquista con dolci parole. Rumori sinistri si odono di tanto in tanto. La colonna sonora incalzante aumenta la tensione in un crescendo di intensità. Senti i cavalli al galoppo in lontananza? Tieniti pronto perché non sono le uniche creature che incontrerai su questo cammino pieno di troll e giganti – che, secondo voci di corridoio si nutrono di bambini umani – in una terra lontana ma non dimenticata.

Leggi Anche |  Non mi lasciare, quante puntate ha la fiction Rai ?

La prima parte degli episodi di Beowulf: Return to the Shieldlands è presente nel catalogo di Serially, la piattaforma italiana di serie tv in streaming gratuita. Inizia a guardarla dal giorno di Natale!

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook

Condividi articolo tramite: