Bollo auto: non sempre si deve pagare e in molti possono chiedere l’esenzione, sul serio

I disabili hanno diritto all’esenzione dal pagamento del bollo auto. Ma vale per tutti oppure è richiesta una determinata percentuale di invalidità?

Il bollo auto è l’imposta regionale che deve essere pagata ogni anno da tutti i possessori di un veicolo iscritto nel Pubblico Registro Automobilistico (PRA).

bollo auto
InformazioneOggi.it

Alcune categorie di automobilisti, tuttavia, sono esonerati dal versamento della tassa. Tra di essi rientrano gli invalidi. Scopriamo, dunque, cosa stabilisce la disciplina normativa e se esiste un tetto minimo di invalidità per accedere all’agevolazione.

Non perdere il seguente approfondimento: “Esenzione bollo auto per persone con disabilità e legge 104: come non lasciarsi sfuggire questa opportunità“.

Bollo auto: con quale percentuale di invalidità è possibile non pagarlo?

La legge non specifica qual è la percentuale di invalidità da possedere per non pagare il bollo auto. Il presupposto per ottenere il beneficio, infatti, non è il grado di invalidità, ma il riconoscimento dell’handicap o della disabilità grave.

È l’handicap che consente di ottenere una serie di agevolazioni previste dalla Legge 104, tra cui l’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica. Il tasso minimo per poter essere considerati invalidi è del 33,33%.

Quello che importa, dunque, non è la percentuale di invalidità ma il possesso di determinate patologie.

Le patologie che assicurano l’esenzione dal bollo auto

Possono richiedere l’esonero dal versamento del bollo auto i soggetti che sono affetti dalle seguenti malattie:

  • disturbi che causano ridotte o impedite capacità motorie permanenti;
  • patologie che comportano gravi disagi alla capacità di deambulazione o pluriamputazioni;
  • disabilità mentali o psichiche;
  • cecità o sordità.
Leggi anche:  Ravenna, "segnò lo straordinario ma andò con una prostituta": condannato carabiniere

In particolare, è necessario che l’ASL riconosca:

  • la disabilità derivante da impedite o ridotte capacità motorie;
  • l’handicap (inteso come pluriamputazioni), legato a limitazioni gravi nella deambulazione;
  • i disturbi alla vista ad entrambi gli occhi (cecità totale o minorazioni visive con un residuo perimetrico binoculare non maggiore del 30%);
  • la sordità diagnosticata prima dell’apprendimento del linguaggio orale (sordità perlinguale) o alla nascita (sordomutismo);
  • le minorazioni fisiche o psichiche per le quali è previsto il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento.

Come presentare richiesta per l’esenzione dal bollo auto?

I soggetti rientranti nelle categorie appena elencate hanno diritto all’esenzione. A tal fine, è necessario compilare lo specifico Modulo ed inoltrarlo, in modalità telematica, all’ACI (Automobile Club Italia). In alternativa, è possibile consegnare la documentazione a mano, presso l’Unità Territoriale dell’ACI della provincia di appartenenza o a una delle delegazioni ACI. La certificazione relativa alla domanda di esenzione, poi, va inviata all’Ufficio Tributi della Regione di appartenenza, entro 90 giorni dalla scadenza del bollo auto.

La modulistica è facilmente scaricabile dal sito dell’Agenzia delle Entrate, al seguente indirizzo: https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/3013919/30_3_21_FVG_Richiesta_esenzione_bollo_auto.pdf/e4ab4cc4-eabe-8759-5b0c-b3e95215196b.

Se l’interessato affetto da handicap è impossibilitato, il Modulo può essere inviato anche da un suo familiare. È necessario, però, che sia fiscalmente a carico dei parenti e possieda un reddito annuo totale non maggiore di 2.840,51 euro.

Consulta il seguente articolo: “Bollo auto e legge 104: chi ha diritto all’esenzione permanente e come richiederla“.

Leggi anche:  Bollette gas: nuovo bonus in arrivo per over 75 e categorie vulnerabili

Certificazione da allegare alla domanda

I soggetti con ridotte capacità motorie devono allegare alla domanda per l’esonero dal pagamento del bollo auto la seguente documentazione:

  • patente di guida speciale per i veicoli con adattamenti;
  • certificato che attesta l’invalidità o l’handicap e la patologia dalla quale derivano ridotte o impedite capacità motorie;
  • atti dai quali si evince che il soggetto disabile è fiscalmente a carico della persona intestataria del veicolo;
  • carta di circolazione che dimostra i lavori di adattamento sul veicolo.

I soggetti con gravi problemi di deambulazione o pluriamputazioni devono, invece, presentare i seguenti documenti:

  • verbale di riconoscimento dell’handicap, emesso dalla Commissione medica dell’ASL;
  • copia della certificazione dalla quale risulta che il disabile è a carico dell’intestatario del veicolo.

Le persone con disabilità mentale o psichica devono allegare:

  • documentazione comprovante il grave handicap;
  • dichiarazione sostitutiva della certificazione che accerta l’indennità di accompagnamento del disabile, rilasciata dall’apposita Commissione per l’invalidità civile;
  • certificati che provano che la persona disabile è fiscalmente a carico del richiedente.

Infine, i soggetti non vedenti, ipovedenti o sordomuti sono obbligati ad inviare:

  • certificati rilasciati da strutture pubbliche autorizzate, che provano la condizione di handicap o invalidità e la presenza di ipovisione, cecità o sordità;
  • dichiarazione sostitutiva che dimostra che l’invalido è a carico del richiedente, se il veicolo non è intestato al disabile.

Le regole per le varie Regioni

Poiché il bollo auto è una tassa regionale, l’esenzione dal relativo pagamento è disciplinata diversamente da Regione a Regione.

Ad esempio, la Regione Lombardia prevede un’esenzione triennale aggiuntiva, solo per gli acquisiti di veicoli euro 6. Dopo i 3 anni, poi, si può beneficiare di un’ulteriore riduzione del 50% per il biennio successivo.

Leggi anche:  Il Bonus 200 euro raggiunge nuove categorie: chi entrerà a far parte dei beneficiari

La Regione Lombardia, inoltre, stabilisce anche un’agevolazione diretta ai veicoli sostenibili, ossia i veicoli elettrici. In tal caso, infatti, si ha diritto ad un’esenzione completa.

La Regione Piemonte, invece, ha introdotto dei vantaggi per i possessori di auto ibride, tra cui l’esonero dal pagamento del bollo per i primi 5 anni.

Per rimanere aggiornati su tutti i vantaggi disponibili (non solo quelli riservati ai disabili), è, in ogni caso, opportuno consultare il sito della Regione di residenza.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità – 104 e news

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News