Bonomi: un piano decennale per il Sud

Mezzogiorno, 9 novembre 2022 – 09:36

«Bene il ministero ma il premier dovrebbe affiancarlo con una squadra di speciali competenze esterne»

di Vito Fatiguso

Un grande piano decennale «Italia Sud 2032» in grado di offrire un nuovo modello di sviluppo che non sia quello del reddito di cittadinanza o dell’assistenzialismo fine a se stesso. Una scommessa che deve andare oltre i progetti e le risorse del piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). È la proposta lanciata da Carlo Bonomi, presidente di Confindustria, in occasione dell’assemblea di Confindustria Bari-Bat (dal tema «Visione, Innovazione, Futuro») di scena presso il teatro Kursaal Santalucia. «Se nel Mezzogiorno l’unico modello economico che prospetti è quello del reddito di cittadinanza — ha spiegato il leader nazionale di Confindustria — la gente ci si aggrappa. Dobbiamo, invece, presentare un’altra proposta e vorremmo lavorare con il nuovo governo perché ci vuole una strategia che vada oltre i progetti stanziati dal Pnrr; una strategia decennale fatta di risorse per scuola e università, di un affiancamento delle reti di ricerca e innovazione, di attrattività degli investimenti da parte delle grandi imprese e di una decina di macro progetti collegati alle Zes (zone economiche speciali, ndr )».

Leggi anche:  Guglielmo Marconi, Stand by me al lavoro sulla serie tv biopic


Competenze

Sul come realizzare tale pianificazione Bonomi ha le idee chiare e si rivolge alla premier Giorgia Meloni: «Sì, è giusto fare il ministero per il Sud, però il premier dovrebbe incardinare una squadra di speciali competenze esterne ad affiancare il ministero per creare un progetto ambizioso di sviluppo su arco decennale. Questa sarebbe una grande sfida per il Paese anche perché dobbiamo fermare l’esodo di massa dei giovani dai territori del Mezzogiorno perché la crescita decennale del territorio non è un’utopia. È una realtà che noi nelle nostre imprese viviamo tutti i giorni. E se lo renderanno possibile noi lo sappiamo fare». Tra i punti macro economici toccati dal leader degli industriaci — oltre al conto dell’energia per la manifattura italiana che è passato da dagli 8 miliardi del 2019 a una stima di 110 miliardi a fine anno — c’è il tema del lavoro che è «il vero modo per la redistribuzione del reddito». L’obiettivo è concentrarsi sul taglio del cuneo fiscale che, in sostanza, dovrebbe consentire di «mettere più soldi in tasca agli italiani che sono sotto i 35 mila euro di reddito. Con un intervento shock di 16 miliardi di intervento, due terzi a favore dei dipendenti e un terzo a favore delle imprese, si potrebbe generare una mensilità in più pari a 1.200 euro».

Leggi anche:  le differenze fra i due Paesi- Corriere.it
Interventi tempestivi

Ma occorre un salto di qualità nelle politiche di creazione dell’occupazione e di un piano di sviluppo industriale che sappia guardare lontano. «Quando si parla di lavoro — ha analizzato ancora Bonomi — la discussione verte su come trovare posti di lavoro ai navigator: ora sono meno di mille perché nel frattempo sono stati assunti per concorso pubblico. E noi dobbiamo trovare un impiego pubblico a chi era stato assunto per trovare lavoro a chi non lo aveva. Sembra una barzelletta ma è la realtà: un fallimento a spese di imprese e famiglie perché alla fine paghiamo sempre noi con le nostre tasse». La soluzione? «Abbiamo un Paese dove si pagano meno tasse sulle rendite finanziarie rispetto a quelle pagate da chi crea lavoro. Chiediamo solo questo: fateci lavorare e fateci creare posti di lavoro. Al governo diciamo: fate presto. Abbiamo bisogno di interventi tempestivi, mirati, ben scritti e ben spiegati. Perché sulla crescita nessuno può dire quello che succederà, ma sicuramente non ci saranno le risorse in più legate al rimbalzo del Pil degli ultimi due anni».

Leggi anche:  Dopesick, tutto sulla seconda stagione
La newsletter del Corriere del Mezzogiorno

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie della Campania iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Mezzogiorno. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

9 novembre 2022 | 09:36

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News