Bonus 200 euro, anche Draghi si accorge che sono pochi: “ecco cosa serve”

Il Governo si è mosso e continuerà a farlo, semplicemente per raggiungere la meta servirà cambiare strada. È quanto sottolineato dal premier Mario Draghi durante la conferenza stampa tenutasi ieri 12 luglio al termine dell’incontro con i sindacati.

L’obiettivo è quello di salvaguardare il potere d’acquisto per i lavoratori, le famiglie e i pensionati, su come farlo serviranno altri confronti prima arrivare a un definitivo Decreto Aiuti Bis. Ma su un punto Palazzo Chigi è chiaro: quanto fatto fino a ora non basta più. Lo sottolinea anche il Premier Mario Draghi, che ai giornalisti risponde così:

Nella scorsa legge di Bilancio abbiamo approvato un esonero contributivo per i lavoratori dipendenti con retribuzioni inferiori ai 35 mila euro, abbiamo sostenuto i redditi di 28 milioni di italiani, tra pensionati, lavoratori dipendenti e autonomi con un contributo di 200 euro per uno. Ora è importante però mettere in campo misure strutturali per incrementare il netto salariale. Un nostro obiettivo prioritario è ridurre il carico fiscale sui lavoratori, a partire dai salari più bassi e su questo intendiamo intervenire in maniera decisa. […] Gli interventi ad hoc per tutelare il potere d’acquisto ora trovano meno logica, meno spiegazione, perché sono giustificati quando l’inflazione è effettivamente un fenomeno temporaneo. Ma quando comincia a essere un fenomeno stabile, magari non durerà tantissimo ma durerà abbastanza, in quel caso gli interventi devono essere strutturali.

In pratica, gli strumenti contenitivi messi in campo fino a ora per provare a rallentare l’inflazione potevano andare bene per un breve periodo. Il Bonus 200 euro era giustificato da un aumento dei prezzi vertiginoso ma temporaneo: ma come abbiamo avuto modo di constatare, l’aumento si è dimostrato in tutti i modi fuorché temporaneo e occasionale. Di conseguenza, adesso saranno necessarie nelle misure che guardino più al lungo periodo: strutturali, durature, che affrontino l’inflazione come un fenomeno, ahimè, stabile e destinato a durare ancora un po’.

Leggi anche:  Superbonus, continua l'accelerazione a luglio: dai dati ENEA somme a un passo dai 40 miliardi di euro

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Resta aggiornato con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Leggi anche:  Lavori 110 bloccati dopo interventi propedeutici, casa inagibile e soldi finiti: c'è una soluzione?

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Leggi anche:  Contrabbando, 28 arresti della Finanza in Italia e all'estero