Bonus 200 euro, INPS choc: rinvio a ottobre per NASpI, Stagionali, Braccianti, ex Bonus Covid [UFFICIALE]

Bonus 200 euro, INPS choc: rinvio a ottobre per NASpI, Stagionali, Braccianti, ex Bonus Covid [UFFICIALE]

  1. ai sensi dell’articolo 32, comma 17, del decreto-legge in argomento, per i titolari nel mese di giugno 2022 delle prestazioni NASpI e DIS-COLL, per la platea dei beneficiari di disoccupazione agricola 2021 e dei già beneficiari delle indennità COVID-19 2021, il pagamento avverrà nel mese di ottobre 2022, successivamente all’invio delle denunce Uniemens dei datori di lavoro contenenti la compensazione di cui al comma 4 dell’articolo 31 del decreto-legge in oggetto, prevista per il mese di settembre 2022;
  2. ai sensi dell’articolo 32, comma 17, del decreto-legge in argomento, per le categorie dei lavoratori per le quali è prevista la presentazione della domanda, di cui ai commi da 11 a 16 dell’articolo 32 del decreto in oggetto, il pagamento avverrà successivamente ai pagamenti di cui ai punti precedenti, nel mese di ottobre 2022;

Dopo un mese e mezzo di attesa, la circolare Inps arrivata ieri che fornisce le indicazioni operative per la fruizione del Bonus 200 euro, certo non porta buone notizie.

La peggiore che potesse portare è la notiza del rinvio del pagamento ad ottobre 2022 per una vasta platea di beneficiari.

Ma vediamo i dettagli.

Bonus 200 euro NASpI DIS-COLL: pagamento rinviato a ottobre 2022

E’ così. Mentre tutta la platea dei percettori NASpI attendeva il pagamento dell’indennità una tantum nel mese di luglio 2022, unitamente all’accredito della mensilità di giugno 2022 (è questo infatti il requisito per avere diritto al Bonus 200 euro), arriva la doccia fredda della notizia del rinvio lungo.

Non è frutto di un’interpretazione. Ma è la circolare che lo dice a chiare lettere quando scrive “per i titolari nel mese di giugno 2022 delle prestazioni NASpI e DIS-COLL, per la platea dei beneficiari di disoccupazione agricola 2021 e dei già beneficiari delle indennità COVID-19 2021, il pagamento avverrà nel mese di ottobre 2022, successivamente all’invio delle denunce Uniemens dei datori di lavoro contenenti la compensazione di cui al comma 4 dell’articolo 31 del decreto-legge in oggetto, prevista per il mese di settembre 2022”.

Dunque dovranno attendere ottobre per avere il sostegno anti-inflazionistico (mentre il rialzo dei prezzi morde ormai da mesi) queste categorie che lo riceveranno in automatico, cioè senza fare domanda:

  • titolari dell’indennità NASpI durante il mese di giugno 2022;
  • titolari della Disoccupazione Agricola relativa al 2021 in pagamento nel 2022: in questi giorni;
  • tutti coloro che nel 2021 hanno ricevuto da Inps i bonus Covid di 2.400 e 1.600 euro.

Quanto ai beneficiari dei Bonus Covid nel corso del 2021 erogati da Inps a seguito dei Decreto Sostegni e Decreto Sostegni bis, Inps ricorda che sono i seguenti:

  • lavoratori dipendenti stagionali e lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori dipendenti stagionali e lavoratori in somministrazione appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori intermittenti;
  • lavoratori autonomi occasionali;
  • lavoratori incaricati alle vendite a domicilio;
  • lavoratori dipendenti a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • lavoratori dello spettacolo.

Bonus 200 euro: perchè rinvio a ottobre 2022?

Perchè l’erogazione del Bonus Covid per queste categorie è stato rinviato a ottobre prossimo? La risposta la dà proprio Inps.

Queste categorie di lavoratori nel mese di luglio potrebbero ricevere il Bonus anche dai datori di lavoro, se nel frattempo hanno instaurato un nuovo rapporto e hanno il principale requisito previsto dal Decreto Aiuti.

A quel punto Inps, per essere certo di non doverlo pagare due volte, preferisce attendere le denunce contributive dei datori di lavoro (flusso Uniemens) all’interno dei quali le aziende dovranno richiedere il rimborso degli anticipi effettuati ai dipendenti (i 200 euro per l’appunto).

Quindi il motivo del rinvio è tutto tecnico: Inps vuole essere certo, quando pagherà in automatico i 200 euri a queste categorie, di non erogarli a lavoratori che hanno già percepito il Bonus in busta paga a luglio.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Leggi anche:  Stabili le vendite delle 'ricaricabili' nel mercato europeo nonostante la flessione a doppia cifra delle immatricolazioni