Bonus 200 euro luglio 2022: con Reddito di Cittadinanza niente accredito ai dipendenti [UFFICIALE]

Bonus 200 euro luglio 2022: con Reddito di Cittadinanza niente accredito ai dipendenti [UFFICIALE]

È partito l’ufficialmente l’accredito del Bonus 200 euro previsto dal Decreto Aiuti. Lo sanno bene i pensionati, i primi a riceverlo nel cedolino della pensione di luglio, e i lavoratori dipendenti, che hanno già ultimato la compilazione dell’autodichiarazione per poterlo avere nella busta paga di luglio. A luglio lo riceveranno anche i collaboratori domestici e i percettori del Reddito di Cittadinanza (per approfondire sulle tempistiche clicca qui).

Sono proprio questi ultimi ad avere qualche dubbio in merito. Le perplessità riguardano, in particolare, l’erogazione del Bonus 200 euro ai percettori del RdC quando in una famiglia ci sono più persone a cui questo spetta. Se in famiglia RdC più persone hanno diritto al Bonus (e non tutti come lavoratore dipendente), chi lo prende?

È il caso, per esempio, di una famiglia in cui c’è un membro che lo prende in busta paga e uno che invece lo riceve sulla carta RdC insieme alla mensilità di luglio. Possono prendere entrambi il Bonus 200 euro? Se lo chiede anche un utente, che condivide i suoi dubbi sui social. Ecco come risponde Inps dal suo account Facebook:

Leggi anche:  Reddito di cittadinanza revocato, lui si mette a spacciare: arrestato 47enne a Napoli

Come chiarisce Inps, in una famiglia in cui un membro prende i 200 euro su RdC e l’altro in busta paga, potrà fruirne solo il percettore del Reddito di Cittadinanza. In questo caso, il lavoratore della famiglia non potrà riceverlo: se dovesse riceverlo indebitamente dal datore di lavoro nella busta paga sarà infatti costretto a restituirlo. In pratica, per ogni nucleo percettore di RdC spetterà un solo Bonus.

Allo stesso modo, se un lavoratore prende il Reddito di Cittadinanza integrato al reddito da lavoro, avrà diritto al Bonus in quanto percettore del sussidio, e non come lavoratore dipendente. In sostanza, dunque, il Reddito di Cittadinanza ha sempre la precedenza sugli altri casi. Un bel risparmio per Inps, che in questo modo può considerare la famiglia beneficiaria di RdC come un unicum ed evitare quindi di pagare l’indennità una tantum agli altri membri del nucleo che ne avrebbero il diritto.

Leggi anche:  Tra i motivi di revoca della NASPI anche spese e social network

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Leggi anche:  Bonus Tessile, moda e accessori: credito d'imposta in misura piena

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook