Bonus asilo nido e assistenza baby sitter confermato nel 2023: la guida rapida per non perdere il contributo

Il bonus asilo nido / supporto domiciliare consiste in un contributo economico ai genitori di figli nati, adottati o affidati fino a tre anni d’età a coprire le spese di frequenza dell’asilo nido oppure i costi legati all’utilizzo di una baby sitter presso la propria abitazione. Vediamo più da vicino come funziona.

Tra i non pochi bonus riconfermati con l’arrivo del 2023, ce n’è uno che sicuramente deve essere ricordato dai genitori con figli piccoli.

bonus
Informazione Oggi

Ci riferiamo al bonus asilo nido / supporto domiciliare 2023, di cui nel corso di questo articolo parleremo – focalizzandoci in particolare su chi ne ha diritto, sugli importi e sulle modalità per fare domanda.

A seguito della proroga dello scorso anno, nuova conferma per il bonus asilo nido 2023, ovvero una misura economica che supporta e agevola le famiglie nel versamento della retta mensile. D’altronde la misura va letta tra le priorità del Governo per dare una mano alle famiglie già gravate dal rincaro dei prezzi e dalla crescita dell’inflazione in quest’ultimo periodo.

Appare importante parlare di seguito di questo meccanismo perché il bonus nido 2023 è da intendersi non come misura transitoria, bensì strutturale, vale a dire non sottoposta ad un termine di scadenza. Vediamo come funziona.

Bonus per le famiglie fino a 3000 euro: come riceverlo e non perdere l’occasione

In che cosa consiste il bonus asilo nido / supporto domiciliare 2023?

Non ci sono novità sostanziali circa il meccanismo del bonus in oggetto, perché anche per il 2023 si tratta di un contributo erogato ai genitori di bambini nati, adottati o affidati fino a tre anni d’età:

  • a sostenere i costi legati alla frequenza dell’asilo nido. In questo caso gli assegni sono versati ogni mese alla famiglia, in 11 rate. Il genitore deve comunque esibire copia delle ricevuta di pagamento delle rette dell’asilo. Il contributo mensile versato da Inps a titolo di rimborso, non può comunque oltrepassare la spesa effettuata per saldare ogni singola retta.
  • o a coprire le spese di una baby sitter, laddove si tratti di figli che non possono frequentare l’asilo perché affetti da gravi patologie. In queste circostanze il contributo è assegnato ai richiedenti in una sola soluzione, dopo la presentazione di un’attestazione emessa dal medico pediatra che dichiari l’impossibilità del figlio o della figlia di colui che richiede il bonus, a frequentare gli asili nido per una grave patologia cronica. E ciò per l’intero anno di riferimento. L’istituto di previdenza si occupa delle modalità di versamento del contributo attraverso le modalità di pagamento di cui in domanda (ovvero accredito su conto corrente bancario o postale, libretto postale o carta prepagata con IBAN, bonifico domiciliato).
Leggi anche:  Soliti Ignoti Speciale stasera in tv con Amadeus: ospiti e anticipazioni 26 marzo 2022

In quest’ultimo caso, il bonus non è da intendersi per l’asilo nido, ma appunto mirato al supporto domiciliare, mentre in ambo le situazioni appena indicate – per l’invio della domanda – i genitori possono utilizzare personalmente il servizio web ad hoc presente nel sito ufficiale dell’istituto di previdenza oppure ci si può rivolgere ai patronati, i cui uffici offrono assistenza anche per questa tipologia di beneficio alle famiglie.

Bonus asilo nido 2023: la misura del contributo

Gli interessati a vedersi riconosciuto questo contributo periodico debbono ricordare di ottenere l’ISEE minorenni, perché è solo grazie a quest’ultimo che è possibile stabilire le cifre delle somme erogate a titolo di bonus. In base agli ultimi dati aggiornati di cui siamo in possesso, gli importi sono quantificati così come segue:

  • per le famiglie con un valore ISEE fino a 25mila euro, il bonus asilo nido corrisponde a  3mila euro all’anno (e dunque 270 euro mensili);
  • nei confronti delle famiglie con un ISEE da 25.001 euro fino a 40.000, il bonus asilo nido ammonta a 2500 euro all’anno (circa 208 euro al mese);
  • per tutti gli altri (ISEE maggiore di 40mila euro) l’entità della misura è di 1500 euro annui (circa 137 euro ogni mese).
Leggi anche:  Gdf Rimini scopre 5 milioni di Iva evasa e oltre 450 lavoratori irregolari

Secondo una regola già vista, nel caso in cui l’interessato non presenti un ISEE valido, l’istituto versa l’importo minimo. In particolare in un suo precedente messaggio, Inps ha spiegato che, tenuto conto dei vari importi ISEE divisi per fascia, laddove non sia presentato un ISEE minorenni aggiornato il contributo sarà pagato con l’importo più basso, tuttavia sarà eventualmente conguagliato a seguito della presentazione dell’Indicatore citato, con le mensilità successive.

Niente adeguamento della somma in caso di bonus per il supporto domiciliare, perché come abbiamo detto sopra il contributo in questo caso è pagato in una sola soluzione.

Alcune precisazioni sulla domanda per il bonus asilo nido

Il contributo in oggetto deve essere richiesto con una delle seguenti modalità:

  • in via telefonica con il Contact Center Integrato – numero verde 803.164 (numero gratuito da rete fissa) o numero 06 164.164 (numero da rete mobile con tariffazione a carico dell’utenza chiamante);
  • via web sito www.inps.it (cliccando sul banner Accedi al Servizio e occorre essere muniti delle credenziali SPID, CIE o la Carta Nazionale dei Servizi ).
  • per il tramite dei patronati.

Alla presentazione della domanda i genitori dovranno altresì allegare la documentazione che comprova il versamento almeno della retta relativa al primo mese di frequenza – onde ottenere il citato rimborso. Oppure va allegata la documentazione da cui emerga l’iscrizione o comunque l’effettivo inserimento in graduatoria del bambino.

Leggi anche:  La Russia ha dimezzato le forniture di gas all'Italia

In ipotesi di richiesta del bonus per il supporto a bambini fino a tre anni che non possono andare all’asilo per motivi di salute, deve essere allegata alla richiesta del contributo una dichiarazione del pediatra, che indica e conferma detta impossibilità per tutto l’anno di riferimento.

Ricordiamo infine che le istruzioni aggiornate per lo scorso anno furono dettagliate dall’Inps con un messaggio ad hoc, ovvero il n. 925 del 2022. Arriverà presumibilmente a breve un nuovo documento dell’istituto per il 2023, ma stante la conferma del contributo senza particolari modifiche, con tutta probabilità i contenuti dell’atto non saranno diversi da quello emanato lo scorso anno.

Per ulteriori informazioni rinviamo comunque alla pagina di riferimento sul sito web Inps.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità – 104 e news

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News