Bonus da 200 euro a dipendenti e pensionati: ecco a chi spetta. I chiarimenti della nuova circolare Inps

E’ stata pubblicata la circolare 73 del 24 giugno 2022 dell’Inps con le informazioni dettagliate, utili per avere il Bonus da 200 euro previsto dal cosiddetto Decreto aiuti. Beneficio che, come si ricorderà, spetta a un’ampia platea di persone.   

Il decreto legge n. 50/2022 ha previsto (articolo 31 comma 1) che: “Ai lavoratori dipendenti …è riconosciuta per il tramite dei datori di lavoro, nella retribuzione di luglio 2022, una somma una tantum di importo pari a 200 euro. Tale indennità è riconosciuta in via automatica, previa dichiarazione del lavoratore di non essere titolare delle prestazioni di cui all’articolo 32, commi 1 e 18”.

Ma vediamo meglio, e in termini quanto più semplici possibile, gli elementi fondamentali da considerare.

Chi ne può beneficiare

La corresponsione dei 200 euro avverrà dunque a luglio (2022) e riguarderà lavoratori dipendenti, nuclei beneficiari di Rdc, domestici, titolari di trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché di trattamenti di accompagnamento alla pensione.

Gli aventi diritto a Naspi, Dis-coll, disoccupazione agricola 2021 e già beneficiari delle ex Indennità Covid 2021 e lavoratori appartenenti alle categorie chiamate a presentare domanda dovranno invece aspettare ottobre.

Con una nota apposita l’Inps precisa che possono avere il contributo i lavoratori dipendenti, del pubblico e del privato, titolari di uno o più rapporti di lavoro, ai quali spetti, dal 1° gennaio 2022 fino al giorno precedente la pubblicazione della circolare, il diritto all’esonero contributivo dello 0,8%”. Sarà il datore di lavoro a riconoscere in automatico il beneficio. Il lavoratore dovrà tuttavia, come spiegato in altri nostri servizi, far pervenire all’azienda la dichiarazione di non essere titolare di trattamenti pensionistici, a carico di qualsiasi forma previdenziale, di trattamenti di accompagnamento alla pensione e di Reddito di Cittadinanza. (Qui trovi il facsimile)

L’indennità una tantum è erogata (comma 16) – a domanda – dall’INPS, anche agli incaricati alle vendite a domicilio di cui all’articolo 19 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114 con reddito nell’anno 2021, derivante dalle medesime attività, superiore a 5.000 euro e titolari di partita IVA attiva, iscritti alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 50/2022 alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge n. 335 del ’95.

E se il lavoratore è titolare di più rapporti di lavoro part-time? Viene spiegato (articolo 31) che “l‘indennità una tantum di cui al comma 1 spetta ai lavoratori dipendenti una sola volta, anche nel caso in cui siano titolari di più rapporti di lavoro”. In questo caso si dovrà inoltrare l’autodichiarazione al datore che provvederà a pagare l’indennità.

Leggi anche:  Crisi di governo, Draghi tratta con i partiti. Letta: 'Finirà bene'. L'incognita M5S: il premier scrive due discorsi

Chi non deve fare domanda

Non sono tenuti a fare l’autodichiarazione i dipendenti pubblici i cui servizi di pagamento delle retribuzioni del personale siano gestiti dal sistema informatico del Mef.

Lavoratori a tempo determinato

Stando alle disposizioni rientrano tra gli aventi diritto ancora: i lavoratori a tempo determinato del settore agricolo, gli iscritti al Fondo Pensione Lavoratori dello Spettacolo (con 50 contributi giornalieri nel 2021, da cui deriva un reddito non superiore a 35.000 euro), gli autonomi occasionali privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, già titolari nel 2021 di contratti disciplinati dall’art.2222 del Codice civile, iscritti alla Gestione Separata alla data del 18 maggio 2022, che abbiano versato almeno un contributo mensile nel corso del 2021, gli incaricati di vendite a domicilio, iscritti alla Gestione Separata alla data del 18 maggio 2022, che possano far valere per il 2021 un reddito superiore a 5.000 euro derivante da tale attività. Tali categorie dovranno presentare domanda entro il 31 ottobre 2022.

I lavoratori domestici

Anche i lavoratori domestici assicurati presso la Gestione dell’Inps, appartenenti alle categorie individuate dal vigente ccnl che prevede le funzioni prevalenti dei collaboratori familiari e degli assistenti alla persona non autosufficiente, potranno avere l’integrazione dei 200 euro. Sono però richieste alcune condizioni: avere almeno un rapporto attivo al 18 maggio 2022, godere di un reddito 2021 non superiore a 35.000 euro e non essere titolari – all’atto della domanda – di altra attività di lavoro dipendente o di pensione. I contratti considerati saranno tutti quelli già in essere, o la cui instaurazione non sia stata respinta, alla data di entrata in vigore del Decreto (18.05.2022). I lavoratori domestici potranno trasmettere le domande entro il 30.09.2022.

Leggi anche:  Acquisto appartamenti contigui con agevolazioni prima casa, possibile la detrazione del mutuo per entrambi?

Titolari di reddito di cittadinanza

E i titolari di Reddito di cittadinanza? Anche loro avranno diritto al bonus, a meno che i membri del nucleo familiare non abbiano già beneficiato del contributo in quanto appartenenti alle altre categorie destinatarie del bonus.

Trattamenti pensionistici

Come accennato, il comma 1 dell’articolo 32 del decreto-legge n. 50/2022 prevede che i 200 euro siano riconosciuti d’ufficio in favore dei soggetti residenti in Italia, titolari di uno o più trattamenti pensionistici o altri tipi di assegno…non superiori ai limiti di legge previsti.

Avranno quindi diritto al beneficio anche i residenti in Italia al 1 luglio titolari di pensione a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, di pensione o assegno sociale, pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché i titolari di trattamenti di accompagnamento alla pensione; al fine di accedere all’indennità i suddetti trattamenti devono avere decorrenza entro il 30 giugno 2022 e il reddito personale Irpef – al netto dei contributi previdenziali e assistenziali – non deve essere superiore, per l’anno 2021, a 35.000 euro.

Titolari assegno invalidità

I titolari di assegno ordinario di invalidità in scadenza al 30 giugno potranno godere del bonus se il  trattamento è confermato senza soluzione di continuità. Viene inoltre specificato che i contitolari di pensione ai superstiti, potranno avere ciascuno la prestazione in misura intera, con verifica del reddito personale.

Leggi anche:  LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA: CAPPATO E LA LIBERTà DI SCEGLIERE COME MORIRE

Naspi e dis-coll

Rientrano tra i beneficiari del Bonus da 200 euro inoltre quanti a giugno siano titolari di Naspi e dis-coll, i beneficiari di disoccupazione agricola per il 2022 (di competenza 2021) e i beneficiari dell’indennità Covid-19 varata dai decreti Sostegni e Sostegni bis. I beneficiari rientranti in queste categorie avranno il beneficio corrisposto direttamente dall’Istituto previdenziale, non dovranno perciò presentare alcuna domanda.

Collaborazione coordinata e continuativa

Al contrario dovranno inoltrare domanda all’Inps coloro che risultino titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (con contratto attivo alla data del 18 maggio 2022 e reddito non superiore a 35.000 euro), gli stagionali (a tempo determinato e intermittenti con 50 giornate di lavoro effettivo nel 2021, da cui derivi un reddito non superiore a 35.000 euro).

Queste le linee fondamentali cui attenersi in relazione al Bonus 200 euro.

Per maggiori dettagli e informazioni si consiglia di prendere visione della Circolare dell’Inps n. 73 del 24.6.2022 allegata nella versione integrale.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook