Bonus di 800 euro per genitori separati: come riceverlo

Padri e madri separati e la fatica di mantenere il proprio stile di vita e quello dei figli. Specialmente se ci sono sospensioni nell’attività lavorativa o altre condizioni di relativa difficoltà. Per questa categoria di persone lo Stato ha pensato ad un aiuto concreto: un bonus, che può raggiungere il tetto degli 800 euro, ed erogato mensilmente. Del provvedimento si discute dalla fine del 2021, ma solo adesso e dopo alcune modifiche è stato firmato il decreto attuativo da parte della ministra Bonetti. Ecco cosa c’è da sapere.

La misura è pensata per aiutare i padri e le madri non più in coppia che devono provvedere al proprio mantenimento e a quello dei figli. Tra i requisiti per richiedere l’agevolazione bisogna dimostrare di avere un reddito inferiore o uguale a 8.174 euro nell’anno in cui si chiede il sostegno. Inoltre, chi presenta la domanda deve dimostrare di aver subito una riduzione o una sospensione dell’attività lavorativa a partire dall’8 marzo 2020 e per un periodo di almeno 90 giorni.

Leggi anche:  Ferguson: Tocca a Biden fermare la guerra. E con Pechino è tempo di distensione

Alternativamente si deve dimostrare di aver avuto un calo del reddito di almeno il 30% tra il 2019 e il 2020. Il sostegno potrà essere richiesto solo dai genitori che non hanno ricevuto l’assegno di mantenimento o lo hanno ricevuto solo parzialmente tra l’8 marzo 2020 e il 31 marzo 2022. Il contributo, che ha la durata di un anno, è pensato anche per i genitori separati con figli maggiorenni portatori di un handicap grave. Per la misura il governo ha stanziato 10 milioni di euro e il sussidio verrà erogato fino all’esaurimento delle risorse.

La ministra per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti ha espresso soddisfazione per il risultato raggiunto: “La misura ha avuto un lungo iter perché nella formulazione con cui la Lega l’aveva presentata era di fatto inapplicabile. Era buona in gran parte degli intenti ma è stato necessario modificarla per renderla applicabile ed equa verso tutti i figli di coppie separate“.

Leggi anche:  Spagna, quarta economia nell'agroalimentare

Attesa per le modalità di richiesta

Il decreto attuativo con le indicazioni precise sull’iter di erogazione non è stato ancora pubblicato, ma i dettagli per presentare la domanda saranno forniti prossimamente sul sito del Dipartimento per le politiche della famiglia.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Salvini: 'No ai migranti, sì al reddito di cittadinanza'

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook