Bonus facciate , si può richiedere fino a dicembre ma con detrazione al 60%

Il Super bonus 110% e le sue vicissitudini hanno fatto passare in secondo piano un altro incentivo molto apprezzato, ovvero il Bonus facciate.

Si tratta di un’agevolazione pari al 60% delle spese sostenute nel 2022 per il recupero o il restauro della facciata di edifici ubicati in determinate zone, così come descritto dal decreto 1444/1968 dell’allora ministero dei Lavori pubblici.

L’Agenzia delle Entrate, rispondendo a quesiti specifici, può offrire interpretazioni che vanno a modificare le leggi che determinano gli incentivi, e infatti ci sono alcune novità.

Le novità

Sono diverse. Iniziamo con il fatto che, contrariamente agli anni precedenti, l’agevolazione non è più pari al 90% delle spese sostenute ma, limitatamente ai lavori effettuati nel 2022, è del 60%, così come anticipato dalla legge di Bilancio 2022.

Inoltre, con la risposta 352/2022, l’Agenzia delle Entrate ha esteso il bonus, in condizioni tanto specifiche quanto particolari, anche ai portoni e agli infissi. Decisione che si aggiunge alle disposizioni già emanate in precedenza e che sono riassunte in una guida apposita. Chi sceglie la detrazione fiscale deve sapere che questa è ripartita in dieci anni. In alternativa è previsto lo sconto in fattura o la cessione del credito. Possibilità queste appannaggio di tutti i cittadini a prescindere dal reddito.

Leggi anche:  ... per la prima estate il Pico de Gallo non aprirà il ristorante in spiaggia: "Non è solo colpa del Reddito di Cittadinanza"

Oltre al bonus facciate propriamente detto, esiste anche la variante che prevede l’efficientamento energetico mediante il rifacimento del 10% dell’intonaco delle superfici dispersive dell’immobile. Una misura pensata per migliorare la capacità degli immobili di contenere le dispersioni, con un conseguente minore impiego di energia per riscaldare o raffreddare gli ambienti. Questa variante obbliga il richiedente a presentare una certificazione tecnica che ne dimostri l’efficacia e la correttezza delle spese da sostenere.

Poiché il bonus facciate è stato oggetto di numerose truffe, sono previste strette sui controlli. Il governo Draghi non ha mai nascosto di non essere un sostenitore accanito dei bonus edili, fonti di frodi e di sforzi ingenti per le verifiche.

Leggi anche:  Quanto valgono le 200 lire con la scritta Prova? Ecco la risposta

Va comunque ricordato che il bonus facciate è riconosciuto a chiunque abbia un diritto reale su un immobile e riguarda i lavori di conservazione e di efficientamento che risultano essere visibili dalla strada. Ne possono usufruire quindi:

  • I proprietari di immobili
  • Gli affittuari (che hanno l’accordo del proprietario dell’immobile)
  • Gli usufruttuari
  • Chi gode di un immobile mediante comodato d’uso (anche gratuito)
  • Chi è nudo proprietario

L’agevolazione riguarda soltanto gli immobili esistenti e, come tale, oltre a non potere essere applicata agli immobili in costruzione, non contempla neppure le demolizioni.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Cambiano le date dei pagamenti pensioni | Riscaldamento super economico | Novità prepensionamenti

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook