Bonus imprese editrici per la distribuzione delle testate: domanda dal 14 ottobre

Bonus imprese editrici per la distribuzione delle testate: domanda dal 14 ottobre

Bonus imprese editrici di quotidiani e periodici per la distribuzione delle testate edite: domanda dal 14 ottobre. Entro la scadenza del 14 novembre è possibile richiedere il credito d’imposta pari al 30 per cento delle spese sostenute. Requisiti e istruzioni per la presentazione delle istanze.

Bonus imprese editrici di quotidiani e periodici per la distribuzione delle testate edite, ridefinita la finestra temporale per la presentazione della domanda: si parte il 14 ottobre.

Chi ha i requisiti per richiedere il credito d’imposta pari al 30 per cento delle spese sostenute ha tempo fino alla scadenza del 14 novembre 2022.

Le istruzioni per la presentazione delle istanze di accesso all’agevolazione introdotta dall’articolo 67 del Decreto Sostegni bis per favorire la diffusione dei giornali nei piccoli comuni.

Bonus imprese editrici per la distribuzione delle testate: i requisiti per presentare domanda

Il via libera della Commissione Europea sul bonus destinato alle imprese editrici è arrivato il 13 luglio 2022.

Il parere positivo sulla compatibilità della misura con le disposizioni normative europee sugli aiuti di Stato è arrivato dopo una lunga attesa e alla luce dell’approvazione, il Dipartimento per l’Informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha ridefinito i termini inizialmente previsti per la presentazione delle domande di ammissione al credito d’imposta per le spese sostenute nell’anno 2020 per la distribuzione delle testate edite.

Leggi anche:  Bonus Fotovoltaico nel caos: no sconto diretto ma credito d’imposta nel 730, la risposta alla domanda di risparmio

Come si legge nel Decreto del Capo del Dipartimento del 2 agosto 2022, dal 14 ottobre alle ore 10 sarà possibile presentare l’istanza tramite il portale impresainungiorno.gov.it.

Possono accedere all’agevolazione le imprese editrici che hanno i seguenti requisiti:

  • sede legale nello spazio economico europeo;
  • residenza fiscale ai fini della tassabilità in Italia o una stabile organizzazione sul territorio nazionale;
  • l’attribuzione del codice di classificazione ATECO:
    • 58.13 (edizione di quotidiani);
    • 58.14 (edizione di riviste e periodici);
  • aver stipulato accordi di filiera, anche attraverso le associazioni rappresentative, per garantire la distribuzione della stampa nei piccoli centri, con popolazione inferiore a 5mila abitanti, e ai comuni con un solo punto vendita di giornali.

Bonus imprese editrici per la distribuzione delle testate: come presentare domanda

Entro la scadenza del 14 novembre 2022, alle ore 23.59, le imprese editrici devono inviare l’istanza tramite l’apposito canale attivo sul portale impresainungiorno.it insieme alla dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà per attestare:

  • il possesso dei requisiti richiesti;
  • l’ammontare delle spese sostenute nel corso del 2020;
  • la mancata percezione di altre agevolazioni sugli stessi costi.
Leggi anche:  Meteo:doppia perturbazione imminente, rischio temporali

Per ottenere il credito d’imposta è necessario, inoltre, allegare gli accordi di filiera finalizzati a garantire la diffusione capillare di quotidiani e periodici nei piccoli comuni o nei comuni con un solo punto vendita e l’attestazione delle spese sostenute.

L’importo del bonus che spetta alle imprese editrici per la distribuzione è calcolato sulle spese di distribuzione e trasporto, inclusa la spesa di trasporto dai poli di stampa ai punti vendita, al netto della percentuali di sconto per la rete di vendita del prezzo di copertina.

Una volta ricevuta la domanda, il Dipartimento per l’Informazione e l’editoria effettua tutte le verifiche e determina l’ammontare del credito di imposta a cui l’impresa ha diritto.

Entro 30 giorni dalla scadenza delle domande, viene stilato l’elenco dei soggetti con i requisiti per ottenere il bonus imprese editrici con il dettaglio della cifra spettante, ridotta in maniera proporzionale nel caso in cui le risorse a disposizione non siano sufficienti per soddisfare tutte le richieste.

La stessa lista viene, poi, trasmessa all’Agenzia delle Entrate: trascorsi 10 giorni lavorativi, i soggetti beneficiari possono utilizzare in compensazione il credito d’imposta utilizzando il modello F24.

Tutti i dettagli e le istruzioni sull’agevolazione sono contenute nel DPCM del 26 ottobre 2021.

DPCM del 26 ottobre 2021
Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante disposizioni applicative per la concessione del credito d’imposta per la distribuzione delle testate edite dalle imprese editrici di quotidiani e periodici, a norma dell’articolo 6, comma 1, del decreto legge 25 maggio 2021 n. 73, convertito, con modificazioni dalla legge 23 luglio 2021, n. 106
Leggi anche:  Permessi 104: spettano anche a più familiari, ma ci sono dei limiti precisi

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook