Bonus ristrutturazione: ristrutturare casa spendendo poco

Per l’anno 2023 è previsto il bonus ristrutturazione che permette di ristrutturare casa spendendo poco.  La detrazione IRPEF per i lavori, secondo la legge di bilancio, è pari al 50%

A seguito dell’approvazione del decreto legge del 16 febbraio 2023, viene abolita l’opzione della cessione del credito e dello sconto in fattura.

Bonus ristrutturazione
Bonus ristrutturazione-InformazioneOggi

Vi è solo, quindi, la possibilità di detrarre le spese sostenute in fase di dichiarazione dei redditi, mediante i modelli disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Bonus ristrutturazione 2023 in cosa consiste?

Il bonus ristrutturazione, per i lavori sui condomini, racchiude gli interventi elencati nelle lettere a, b, c, d dell’articolo 3 del Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentati in materia edile.

Tali lavori sono quelli che comprendono:

  • manutenzione di tipo ordinaria;
  • manutenzione straordinaria;
  • lavori di restauro e risanamento conservativo;
  • interventi di ristrutturazione edilizia.

Rientrano tra gli interventi di manutenzione ordinaria le seguenti casistiche:

  • lavori di riparazione, rinnovamento e cambio delle finiture degli stabili;
  • interventi basilari per l’integrazione o manutenzione di efficienza degli impianti tecnologici già esistenti;
  • opera di sostituzioni di pavimenti, infissi e serramenti;
  • lavori di tinteggiatura delle pareti, soffitti, infissi interni ed esterni, verniciatura delle porte dei garage
  • attività di rifacimento di intonaci interni.
Leggi anche:  Conte a Letta: 'Offri pure i collegi che si sono liberati a Di Maio, Tabacci e agli altri alleati'

Per le strutture abitate da più unità familiari, il bonus ristrutturazione è applicato per le opere di:

  • manutenzione di tipo straordinaria;
  • restauro e risanamento conservativo;
  • ristrutturazione edilizia.

Gli interventi di manutenzione di tipo ordinaria non godono del vantaggio fiscale, che riguardano solo i lavori effettuati nei condomini. Ad eccezione se fanno parte di un intervento di ristrutturazione più ampio.

>>>Bonus ristrutturazioni, una buona notizia! Pronti a progettare casa?

Com’è possibile fare richiesta del bonus ristrutturazione?

Il bonus ristrutturazione 2023 è possibile richiederlo nella dichiarazione reddituale, dove bisogna indicare i datai catastali che identificano l’immobile. Nella casistica in cui i lavori sono stati svolti dal padrone di casa è opportuno indicare gli estremi di registrazione dell’atto che ne stabilisce il titolo.

Il contribuente deve inviare all’Azienda sanitaria locare di competenza la comunicazione, con la raccomandata A.R o altri modi stabiliti dalla Regione, le informazioni di:

  • generalità di chi dà gli ordini di esecuzione dei lavori e la situazione degli stessi;
  • la natura dei lavori da eseguire;
  • i dati che identificano l’impresa che esercita i lavori con la trasparenza di assunzione di responsabilità, da parte della stessa, in rispetto agli obblighi sanciti dalla normativa vincente nella materia di sicurezza sul lavoro e contribuzione;
  • la data di inizio dell’intervento.
Leggi anche:  Bonus busta paga, cosa cambia e chi sono i fortunati: varia la soglia limite (di molto)

In alcuni casi stabiliti dai decreti legislativi la comunicazione preliminare all’ASL non è obbligatoria.

La legge di bilancio 2018 ha stabilito l’obbligo, solo per le opere finalizzate al risparmio energetico e all’utilizzo di fonti rinnovabili, dell’invio di una comunicazione all’Enea. Entro 90 giorni dal termine dei lavori deve essere trasmessa la suddetta.

Novità per il bonus ristrutturazione 2023

Il decreto milleproroghe 2023 ha stabilito che per le opere eseguite nell’anno 2022 la comunicazione all’ AdE, nel caso della decisione della cessione del credito o per lo sconto in fattura, deve essere inoltrata entro il 31 marzo 2023.

Per i lavori svolti nel corso dell’anno 2023 non è più possibile optare per la scelta tra la cessione del credito o lo sconto in fattura. Tale limitazione è prevista dal decreto legge del 16 febbraio 2023, tranne se all’entrata in vigore del suddetto:

  • risulta inoltrata la richiesta del titolo abitativo, dove necessita;
  • per i lavori che ipotizzata la presentazione di un titolo abilitativo, sono già stati avviati i lavori;
  • il contratto preliminare è registrato di regola, con un contratto definitivo di compravendita dell’immobile nella casistica di acquisto del Sismabonus.
Leggi anche:  Le modifiche più probabili al reddito di cittadinanza con Governo Draghi caduto e transizione

Altri bonus che si possono richiedere

La legge di bilancio 2023 ha previsto il rinnovo di altri bonus quali:

  • Sismabonus;
  • bonus verde;
  • bonus mobili;
  • ecobonus 50%;
  • bonus barriere architettoniche;
  • ecobonus;
  • ecosismabonus.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità – 104 e news

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News