Bonus sicurezza casa: di cosa si tratta e chi può ottenerlo, molti non lo sanno perdendo la detrazione

Confermato fino al 2024 il bonus sicurezza per gli interventi da effettuare in casa contro ladri e malintenzionati. Ecco come ottenere la detrazione.

Il bonus sicurezza rientra nel bonus ristrutturazioni casa ed è prorogato sia per il 2023 sia per il 2024.

bonus sicurezza
InformazioneOggi

Chiamato anche bonus allarme e bonus antifurto consiste in una detrazione fiscale sulle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi di allarme e non solo.

Bonus sicurezza casa: di cosa si tratta e chi può ottenerlo, molti non lo sanno è perdono la detrazione

L’Agenzia delle Entrate spiega che nel bonus sicurezza rientrano tutti gli interventi che possono riguardare le misure finalizzate a prevenire il rischio di furto o aggressione da parte di terzi.

Leggi anche “Ladri in casa, come “fregarli” in 3 mosse e salvare il bottino (sperando non leggano i ladri)

Leggi anche:  RABBINO VAX - ESTREMISTA PREDICHERA' A INCONTRO VATICANO

Quindi la detrazione fiscale del 50% riguarderà l’installazione di allarmi, casseforti, porte blindate, sistemi di antifurto, videosorveglianza. La spessa massima da non superare è 96mila euro. Il rimborso avviene sotto forma di detrazione Irpef con 10 quote annuali di pari importo. La scadenza del bonus sicurezza è il 31 dicembre 2024.

In sintesi, possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti persone fisiche residenti in Italia e che siano proprietari dell’immobile o meno. La detrazione fiscale è applicabile solo per le sostenute per gli interventi di installazione e non per i contratti di vigilanza. Inoltre, non è legata, a differenza degli altri bonus casa, a interventi di ristrutturazione edilizia.

Infine, copre le spese per:

  • sostituzione, miglioramento o installazione di cancellate o recinzioni;
  • installazione di grate alla finestra o loro sostituzione;
  • porte blindate;
  • installazione di rilevazione di apertura e di effrazione sui serramenti;
  • sostituzione o miglioramenti di serrature, lucchetti, catenacci e spioncini;
  • tapparelle metalliche con bloccaggi;
  • vetri antisfondamento;
  • fotocamere con centri di vigilanza.
Leggi anche:  Autonomia alla scuola statale , Libertà alla scuola paritaria

Come richiedere la detrazione

Per ottenere l’agevolazione fiscale è necessario che il contribuente conservi tutta la documentazione riguardante le spese sostenute, compreso la ricevuta del bonifico. Nella causale bisognerà inserire:

  • il beneficiario del bonus;
  • la partita IVA della ditta che ha effettuato i lavori di installazione;
  • la causale del versamento secondo il decreto del presidente della repubblica (DPR) numero 917 del 1986 (articolo 16-bis);
  • l’importo totale che, come ricordato, non deve superare i 96mila euro.

La detrazione potrà essere richiesta nella dichiarazione dei redditi e come anticipato sarà erogata in 10 rate annuali.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità – 104 e news

Fonte e diritti articolo

Leggi anche:  Decreto Aiuti bis, Landini insoddisfatto: “sostegni entro fine luglio, ma quali?”

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News