Bonus sistemi di accumulo per fotovoltaico: aumenta lo sconto pazzesco per risparmiare sulla bolletta

Sono state divulgate le regole per richiedere il cd. Bonus sistemi di accumulo, per ottenere il credito d’imposta sugli apparecchi collegati agli impianti fotovoltaici.

A marzo 2023, potranno essere presentate le domande per il credito d’imposta, per le spese di montaggio dei sistemi di accumulo dell’energia, legati a pannelli fotovoltaici.

bonus sistemi di accumulo
Foto Canva

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento dell’11 ottobre 2022, ha stabilito i termini e le modalità per usufruire del beneficio. Esso è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2022 (articolo 1, comma 812), per le spese affrontate nel 2022.

I sistemi di accumulo sono dei tipi di batterie, grazie alle quali si immagazzina l’energia prodotta in eccesso da un impianto fotovoltaico, affinché venga conservata ed utilizzata successivamente, in base alle necessità. Nel caso in cui questi sistemi siano installati insieme ai cd. interventi trainanti, danno accesso ai benefici del Superbonus 110%.

Vediamo, dunque, in cosa consiste il Bonus sistemi di accumulo e a quanto ammonta.

Per tutte le informazioni aggiuntive, consulta il seguente articolo: “Fotovoltaico: quali sistemi di accumulo permettono di risparmiare di più?

Bonus sistemi di accumulo: a chi è rivolto?

Possono presentare domanda per il Bonus sistemi di accumulo tutte le persone fisiche che, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022, effettuano spese (accertate) per l’installazione di sistemi di accumulo legati ad impianti di produzione di energia elettrica, alimentati da fonti rinnovabili.

Leggi anche:  Furbetti del Reddito di cittadinanza, i Carabinieri ne beccano 117

Il Bonus, dunque, non riguarda esclusivamente gli impianti fotovoltaici, ma può essere richiesto per l’installazione anche di altri sistemi di fonti rinnovabili, come, per esempio, il mini-eolico domestico.

Come si presenta la domanda

La richiesta per il riconoscimento del Bonus in questione deve essere inoltrata dal 1° marzo al 30 marzo 2023. A tal fine, si può utilizzare il servizio online dell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate; l’accesso può essere effettuato direttamente dal contribuente oppure da un intermediario.

Entro 5 giorni dall’invio della domanda, al richiedente viene rilasciata una ricevuta, che sancisce la presa in carico dell’istanza, oppure lo scarto, con le dovute motivazioni. Nel caso in cui ci siano errori, si può procedere a rettifica, solo entro il 30 marzo 2023. Oltre tale termine, infatti, sarà necessario presentare una nuova domanda, sostitutiva della precedente. Infine, l’interessato può chiedere la rinuncia integrale al credito d’imposta.

Qual è l’importo del Bonus sistemi di accumulo?

Il beneficio è sfruttabile nella Dichiarazione dei Redditi relativa al periodo d’imposta 2022. Per assicurare la sua erogazione, il Governo ha stanziato un fondo complessivo di 3 milioni di euro. L’Agenzia delle Entrate, dunque, deve calcolare la percentuale di spesa a cui si ha diritto, sulla base del rapporto tra la cifra totale stanziata e la somma di tutte le spese riportate nelle domande presentate.

Leggi anche:  Elezioni 2022, Conte: 'Tra candidati M5S non troverete chi ha già svolto 2 mandati'

In altre parole, la percentuale dipende dal numero di richieste pervenute. La cifra spettante ad ogni cittadino, quindi, sarà quantificata solo alla scadenza del termine di presentazione della domanda. A tal fine, entro 10 giorni, verrà emesso uno specifico provvedimento da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Non perdere il seguente articolo: “Bonus energia rinnovabile: in arrivo incentivi per installare sistemi di accumulo, occasione da non perdere“.

I reali vantaggi dell’agevolazione

Il nuovo incentivo è davvero utile? Senza dubbio, esso presenta dei pro e dei contro. Innanzitutto, la quota di credito riconosciuta ad ogni richiedente non è ancora nota e verrà calcolata solo al termine della presentazione di tutte le domande. Questo potrebbe creare degli inconvenienti.

Inoltre, la disciplina normativa permette di recuperare una parte di credito non utilizzata per insufficiente capienza fiscale negli anni seguenti. Si tratta di un dato da tenere in considerazione, perché offre la possibilità di richiedere il Bonus anche ai contribuenti con un reddito basso, a differenza di quanto accade per altri tipi di agevolazioni fiscali.

Leggi anche:  Furbetti delle seconde case, finti residenti in montagna per non pagare l'Imis. Dalla Val di Fiemme alle Valli di Cembra e Fassa, nei guai ...

Come risparmiare sulle bollette? InformazioneOggi dà voce alle imprese, ai professionisti e alle famiglie che vivono costantemente lo shock energetico. La vostra voce è importante, raccontateci quali soluzioni state adoperando per contrastare i rincari inviando una mail alla “Posta di informazioneoggi.it”

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News