Busta paga, bisogna adeguarsi entro aprile: ecco tutte le novità

La Busta paga è il “famoso” documento he attesta dal punto di vista legale una prestazione lavorativa, solitamente viene erogata dal datore di lavoro e contiene tutte le informazioni relative alla prestazione, ai contributi, ai dati anagrafici del lavoratore e così via. La busta paga viene gradualmente modificata in base ad un numero piuttosto alto di fattori anche non strettamente legati al lavoratore singolo.

Busta paga, bisogna adeguarsi entro aprile: ecco tutte le novità

I datori di lavoro hanno ancora pochissimo tempo per adeguare le buste paga dei propri dipendenti alle nuove disposizioni previdenziali e legate ai vari bonus ufficializzati dall’ultima legge di Bilancio. Nel dettaglio:

E’ prevista la nuova modalità di scaglioni delle aliquote IRPEF (che passano da 5 a 4) come visibile di seguito:

  • fino a 15.000 euro di reddito: aliquota del 23%

  • da 15.001 a 28.000 euro di reddito: aliquota del 25%

  • da 28.001 a 50.000 euro di reddito: aliquota del 35%

  • oltre i 50.000 euro di reddito: aliquota del 43%.

Leggi anche:  A che ora esce Inventing Anna su Netflix?

Cambiano anche le detrazioni per l’anno fiscale per i lavoratori dipendenti:

Reddito complessivo 2022

Detrazioni per anno fiscale 2022

fino a 15.000 euro

1.880 euro e per rapporti di lavoro a tempo determinato non può essere inferiore a 1.380 euro

da 15.000 a 28.000 euro

1.910 + 1.190 x (28.000-reddito complessivo) / 13.000

da 28.000 a 50.000 euro

1.910 x (50.000 – reddito complessivo) / 22.000

oltre 50.000 euro

Nessuna detrazione

Confermato seppur modificato anche il Bonus Renzi, ossia il trattamento integrativo da 1200 euro annui: questo resta presente in busta paga per i dipendenti con redditi fino a 15.000 euro, ma resterà in parte anche per chi non supera i 28.000 euro di reddito annuo, ma continuerà ad essere riconosciuto se l’insieme delle altre detrazioni supera l’imposta lorda dovuta.

Leggi anche:  Leonardo dopo Amici: prime parole, Zerbi risponde (anche Sandra Milo)

Scompare invece dalla busta paga, a partire da marzo in verità, qualsiasi forma di bonus-agevolazione del governo concepita per chi ha figli, come il bonus mamma domani, il bonus bebè, tutti accorpati nell’Assegno Unico per famiglie, che viene erogato direttamente attraverso un bonifico.

busta paga marzo aprile voci


Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  L’iPhone pieghevole è sempre più realtà: quando uscirà sul mercato

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook