Caldo abnorme in Francia e Spagna, record delle temperature e foreste a fuoco. La situazione in Italia

MILANO – Come se non bastasse la guerra e la pandemia, sull’Europa si abbatte un’ondata di caldo, con punte superiori a 40 gradi (104 Fareneith), con picchi in  Francia e Spagna come non si vedevano da anni nel mese di giugno. L’Organizzazione Internazionale dei meteorologi ha lanciato un allarme già venerdì, spiegando che questa ondata è un assaggio di ciò che accadrà in futuro, visto che quest’anno il caldo è arrivato in anticipo, con picchi sempre più alti e più frequenti. Ci aspetta un’estate torrida prolungata, pesante soprattutto per anziani e bambini,  e per le persone con patologie croniche.

L’Agenzia del Meteo spagnola ha fatto sapere che un picco di 40 gradi a giugno è la prima volta che si verifica nella storia. In Francia, a Biarritz, ieri sono state toccate punte di 42,9 gradi, battendo il record di sempre, ma nel paese ieri sono stati battuti ben 18 record storici, con 203 punte massime registrate un po’ ovunque, mai durante il mese di giugno. La temperatura più alta spetta alla cittadina di Pissos nel sud della Francia, dove ieri  il termometro si è spinto fino a 43,4 gradi. Un caldo mai visto anche  a San Sebastian nel nord della Spagna, con 43,5 gradi. Maximiliano Herrera, esperto di  meteo iberico, ha definito l’ondata di caldo in corso come “catastrofica”, data la sua violenza e intensità.

Leggi anche:  Infiorate Spello 2022, vince l'infiorata di "Arco Romano"

Secondo gli esperti, gli effetti del cambiamento climatico ci stanno per regalare una delle estati più calde di sempre, come quella del 2003 in Francia. La mancanza di pioggia e le temperature torride, hanno anche innescato una serie di incendi nella regione della Catalogna: a Baldomar, a nord di Barcellona, sono andati in fumo 2.470 acri di foreste.  Altri incendi sono scoppiati nel resto della Spagna, in Italia, Francia e in Portogallo, in zone dove non piove da settimane.

Anche l’Italia registra temperature record e la Puglia è tormentata dagli incendi. Secondo le elaborazioni di Coldiretti della banca dati Noaa (il National climatic data centre che rileva i dati dal 1880)  dopo una primavera che si è classificata come la sesta più calda di sempre sul pianeta a livello climatologico – facendo registrare una temperatura media sulla superficie della terra e degli oceani superiore addirittura di 0,85 gradi rispetto alla media del ventesimo secolo. Con l’italia sotto l’assedio del caldo e della siccità, la primavera è stata segnata da un aprile freddo e da un maggio bollente durante il quale la colonnina di mercurio è stata  superiore di 1,83 gradi alla media del periodo, collocandosi al secondo posto tra i più caldi dal 1800. ” A preoccupare -spiega la Coldiretti – è la mancanza di precipitazioni che in Italia sono risultate in media addirittura dimezzate rispetto allo scorso anno, ma con riduzioni percentuali ancora più alte nelle regioni del nord“. Un probelma che si ripercuote su tutta la produzione agricola nostrana. “La tendenza al surriscaldamento è infatti accompagnata da una più elevata frequenza di eventi estremi e sfasamenti stagionali che – conclude la Coldiretti – sconvolgono i normali cicli colturali ed impattano sul calendario di raccolta e sulle disponibilità dei prodotti che i consumatori mettono nel carrello della spesa”.

Leggi anche:  Il giorno di Pietro: pensieri di una mamma e di un 13enne il giorno del vaccino

Ora gli esperti si aspettano che la calura atipica registrata in questi giorni in Spagna e Francia si sposti  verso in nord Europa, raggiungendo  in settimana Germania, Polonia e Austria, dove nei prossimi giorni sono attese temperature “abnormi”.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  C’è Posta Per Te: ospiti e anticipazioni 22 gennaio 2022

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook