Calenda e Letta, dopo il botta e risposta domani l’incontro – Politica – quotidiano.net

Roma, 1 agosto 2022 – Alleanza sempre più in bilico tra Azione, +Europa e Pd in vista delle elezioni politiche del 25 settembre. Dopo un lunghissimo botta e risposta avvenuto oggi, domattina si terrà l’incontro fra il leader di Azione Carlo Calenda e il segretario del Partito democratico Enrico Letta. All’incontro sarà presente anche il segretario di +Europa, Benedetto Della Vedova.

Calenda-Letta, il botta e risposta

Dopo la lettera di Calenda e Della Vedova rivolta a Letta, è arrivata la prima risposta del Partito democratico sotto forma di un appello approvato al termine della segreteria nazionale. “Il Partito Democratico fa appello a tutte le forze politiche con cui, dopo le dimissioni del governo Draghi, si è lavorato per fare nascere un campo di forze democratiche e civiche – si legge nella nota del Pd -: si proceda, senza veti reciproci, a costruire un’alleanza che prosegua nel forte impegno europeista che l’esecutivo guidato da Draghi ha saputo interpretare e che sia in grado di dare all’Italia un governo capace di consolidare la crescita, combattere le diseguaglianze e affrontare con credibilità l’emergenza economica, sociale e ambientale e la difficile situazione internazionale”.

Carlo Calenda ed Enrico Letta
Carlo Calenda ed Enrico Letta

Un appello quello del Pd che non ha convinto Azione e +Europa, che hanno chiamato di nuovo in causa Letta: “L’appello della segreteria del Pd non rappresenta una risposta ai temi politici che abbiamo posto ieri al segretario Letta. Risulta poco credibile, peraltro, il riferimento a una alleanza nel solco di Draghi mentre si mantiene come prioritario l’accordo con forze che sono state sempre all’opposizione del governo Draghi. Vedremo se una risposta ci sarà e quale sarà. Restiamo in attesa”.

Calenda ha poi aggiunto su Facebook, innescando un botta e risposta con Letta: “Sei troppo intelligente per considerare questo appello una risposta. Vediamoci oggi con Più Europa e chiudiamo in un senso o nell’altro. Così ci facciamo male tutti. A dopo”.

Letta ha così replicato: “Sono disponibilissimo a incontrare Carlo Calenda e Benedetto Della Vedova. Ma senza preclusioni e veti. E con lo spirito giusto: guardarsi negli occhi, fare i giusti accordi, senza sportellate. Patti chiari e amicizia lunga. E che valga la stretta di mano. Io e Calenda tre giorni ci siamo stretti la mano e ci siamo messi d’accordo su una strada, ma se tutto salta tregiorni dopo, vuol dire che non serve a niente”.

Poi la controreplica del segretario di Azione: “I patti sono chiarissimi. No Bonelli e Fratoianni che sono contro Draghi, negli uninominali. No Di Maio negli uninominali. Già accettarli in coalizione per noi è problematico, ma ti siamo venuti incontro. D’altro canto ci impegniamo a non candidare negli uninominali personalità divisive per il centrosinistra. Sui temi: agenda Draghi, non tasse e bonus. Risposte nette su rigassificatori e modifica reddito di cittadinanza. Queste cose le hai sul tavolo da giorni. Legittimo dire ‘non riescò, ma chiudiamo questa partita”.

Leggi anche: La spiegazione semplice della legge elettorale attuale

Il video

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Leggi anche:  Elezioni, dalle riforme al fisco, il programma del centrodestra in 15 punti