Calenda, il programma di Azione e Iv punta su agenda Draghi e PNRR: ‘Obiettivo è Draghi premier’

Calenda, il programma di Azione e Iv punta su agenda Draghi e PNRR: ‘Obiettivo è Draghi premier’

Calenda elenca i suoi obiettivi: “Andare avanti con l’agenda Draghi, andare avanti con il metodo Draghi, Avere Draghi come presidente del Consiglio. E poi attuare le riforme del Pnrr” – RdC da rifare e privatizzare Ita e ex Ilva

Reddito di cittadinanza da cambiare, basta sussidi a pioggia, la spesa per le pensioni non va aumentata, sì a salario minimo, ok rigassificatori, ricalibrare il sistema fiscale a favore del lavoro, Ita da privatizzare ed ex Ilva da riprivatizzare. Sono alcuni dei punti principali del programma elettorale frutto dell’alleanza Azione-Italia Viva, presentato oggi da Carlo Calenda in conferenza stampa.

“Il nostro obiettivo è semplice: andare avanti con l’agenda Draghi e con il metodo Draghi, avere possibilmente Draghi come presidente del Consiglio, attuare le riforme del Pnrr”. Sono le parole del leader di Azione e front runner del Terzo polo. Una sorta di prosecuzione del lavoro fatto dall’ex presidente della Bce per salvare l’Italia, vittima della pandemia prima e della crisi geopolitica poi.

Non sono mancate le critiche ai programmi del centrodestra e del centrosinistra. “Flat tax, 10mila euro ai diciottenni, quota 41. Tutte bufale”. E ancora: “Basta con i no a tutto, ai rigassificatori e ai termovalorizzatori. Ridicolo il Pd che dice ok al rigassificatore, a patto che si spenda tra 5 anni. Se qualcuno ha una proposta diversa dal nucleare la dica”. Ma vediamo i principali punti del programma elettorale di Azione e Italia Viva per le elezioni del 25 settembre 2022.

I punti principali del programma elettorale del Terzo polo (Azione-Italia Viva)

Gli obiettivi contenuti nel programma elettorale presentato da Calenda dove, nelle premesse, si fa riferimento a quella “agenda Draghi” che spesso nelle ultime settimane è stata tirata in ballo, sono:

  • politica estera: europeismo e atlantismo intesi come punti fondanti per il sostegno alla Nato e pieno appoggio all’Ucraina;
  • politica di bilancio: revisione del Reddito di cittadinanza e del bonus del 110%, stop a sussidi una tantum e riduzione del debito. “Modificare sostanzialmente il Reddito di cittadinanza e non chiamarlo così perché è una presa in giro fatta dai grillini. Va dato a chi non può lavorare e chi può lavorare va affidato alle agenzie private, va formato”, ha detto Calenda in conferenza.
Leggi anche:  HabiTech, lanciato l'acceleratore di startup per proptech ed edilizia sostenibile

Massima attenzione su ambiente, fisco, lavoro, imprese, scuola, sanità, Mezzogiorno e infrastrutture, con una particolare concentrazione sugli interventi per favorire donne e giovani così come sulla politica energetica per accelerare l’affrancamento dal gas russo:

  • infrastrutture, energia e ambiente: realizzazione dei due rigassificatori, riconsiderare l’utilizzo di centrali nucleari, sbloccare i progetti per la produzione di energia pulita eolica e fotovoltaica. “No ad ambientalismo ideologico, in cui le imprese si spostano all’estero – continuando ad inquinare – e noi perdiamo forza lavoro”;
  • fisco: piena applicazione alla delega fiscale, taglio delle tasse totale per i giovani fino a 25 anni e del 50% per chi è nella fascia compresa tra i 26 e 30 anni. “Le tasse vanno diminuite in questo Paese. Punto. Solo una persona che non percepisce quanto il Paese sia provato da anni di Covid, dalla guerra, dall’inflazione può proporre patrimoniali e/o tasse di successione”, ha ribadito il leader di Azione;
  • lavoro: aumento della produttività, introduzione salario minimo legale: “Lottare contro la povertà lavorativa, noi siamo a favore del salario minimo, per la cancellazione delle false cooperative e dei contratti pirata. Nessuno dovrebbe lavorare per meno di 9 euro l’ora, ma siamo contrari a un irrigidimento della contrattazione”.
  • cittadinanza, diritti, immigrazione: parità di genere tra donne e uomini, superamento delle discriminazioni per l’orientamento sessuale, attivazione di quote d’ingresso per l’integrazione di rifugiati e immigrati, sì allo ius scholae;
  • politica industriale: restituire e migliorare la competitività del sistema Paese;
  • accelerare sul processo di vendita di Ita a Lufhtansa;
  • riprivatizzare l’ex Ilva;
  • investire nell’industria 4.0: programma di incentivi per sostenere l’innovazione e in particolare spingere le imprese sulla strada della rivoluzione digitale;
  • giustizia: proseguire sul solco delle riforme della ministra Cartabia.
Leggi anche:  Conguaglio IMU 2023 da pagare entro febbraio: chi dovrà pagarlo e perchè, le ultime novità non piacciono ai contribuenti

Ci sono due perni del nostro welfare che scricchiolano pericolosamente: l’istruzione e la sanità. Ogni euro aggiuntivo di spesa pubblica dovrà essere destinato a questi capitoli:

  • istruzione e ricerca: politiche di contrasto all’analfabetismo funzionale e alla dispersione scolastica;
  • sanità: piano di assunzione per medici, infermieri e altri professionisti sanitari;

Tutti interventi che non richiederanno nessun extra debito. “Siamo nettamente contrari a nuovi scostamenti di bilancio per mandare in pensione le persone con Quota 100. Noi proponiamo un patto generazionale. Ricordo che mancano 50mila medici e infermieri. La sanità è un pilastro di welfare di un Paese in cui cresce l’aspettativa di vita ma crescono anche le malattie croniche”. Ma da dove saranno presi questi soldi? “Lotta all’evasione fiscale e spesa pubblica”, ha spiegato il leader di Azione.

Elezioni, Calenda: “Draghi caduto per l’invidia di Conte”

“Per noi questa legislatura è uno spartiacque. È la tragica fine della seconda repubblica degenerata in bipopulismo”. Ha detto Calenda nel corso della presentazione del programma del Terzo polo per le Politiche, aggiungendo che “questa legislatura ha avuto 2 punti di crisi: la prima l’elezione del Presidente Mattarella, che non voleva essere rieletto e l’altra è l’ignominia della caduta di Draghi. Chiediamo agli italiani di non dimenticare. Perché se si perde il ricordo noi ripeteremo gli stessi errori”. E ha poi puntato il dito contro i responsabili della caduta del governo: “Draghi non è caduto perché governava male ma per l’invidia di Conte, per le voglie di Berlusconi di diventare presidente del Senato e/o della Repubblica e la paura di Salvini di vedere cadere i propri consensi in favore della Meloni”.

Leggi anche:  Gustavo Zagrebelsky: 'La lotta no vax non è libero arbitrio ma prepotenza'

E sull’emergenza gas, il front runner del Terzo polo ha detto: “Se non riusciremo ad avere un tetto al prezzo del gas la responsabilità dell’aumento dei prezzi è di Salvini, Berlusconi e Conte”.

“La partita è sul proporzionale al Senato ed è una partita che si può vincere rivolgendosi a tutti gli italiani che vogliono vivere in un paese serio”. Così il leader di Azione: “Non esiste il voto utile, perché ci sono in campo quattro coalizioni, non due, e anche perché il Pd ha combinato un disastro: non capirò mai perché Letta ha deciso di caricarsi Bonelli e Fratoianni e non i cinque stelle, se voleva fare il Comitato di liberazione nazionale”.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook