Canone rai, c’è un’altra possibilità di esonero. Ecco a chi spetta

Come ormai sappiamo, dal prossimo anno il canone rai dovrà essere pagato in un altro modo.
Il governo, infatti, si è impegnato nei confronti dell’Unione Europea ad eliminarlo dalla bolletta elettrica, in quanto si tratta di un onere improprio, cioè non riferibile al consumo di energia.
Per quest’anno, ad ogni modo, nulla è cambiato. Il suo importo, in genere, è di 90 euro l’anno; il pagamento avviene mediante addebito sulle bollette elettriche in dieci rate mensili da 9 euro ciascuna, da gennaio a ottobre.
Il nostro ordinamento prevede particolari categorie di esenzione. Le più importanti sono 2:

  • coloro che non hanno un televisore in casa;
  • i cittadini di età superiore ai 75 anni con reddito annuo inferiore a 8 mila euro e nessun componente del nucleo con redditi propri.
Leggi anche:  Superbonus, quali regole da rispettare in presenza di più generatori di calore se si intende modificare l'impianto?

Soltanto qualche giorno fa (per l’esattezza il 30 giugno) è scaduto il termine per poter presentare la richiesta di esonero da parte dei contribuenti che non hanno un televisore in casa. Gli ultra settantacinquenni, invece, possono ancora presentarla ed è anche possibile ottenere il rimborso di quanto erroneamente pagato. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Canone rai esonero per gli ultra 75enni con reddito inferiore a 8 mila euro

L’esonero del canone rai spetta anche ai cittadini che hanno compiuto 75 anni, con un reddito annuo proprio e del coniuge non superiore complessivamente a 8.000 euro.
L’agevolazione spetta:

  • per l’intero anno se il compimento del 75° anno è avvenuto entro il 31 gennaio dell’anno stesso;
  • per il secondo semestre se, invece, il compimento del 75° anno è avvenuto tra il 1° febbraio al 31 luglio dell’anno.
Leggi anche:  Assegno Unico: domanda entro oggi 30 giugno per ottenere gli arretrati

Questa categoria di cittadini, dunque, può ancora inviare la relativa domanda per ottenere l’esonero. A dir la verità, non esiste un vero e proprio termine.

Questo perché, come si legge sul sito dell’Agenzia delle entrate, “i cittadini che hanno pagato il canone TV, pur essendo in possesso dei requisiti previsti dalla legge, possono chiederne il rimborso mediante il relativo modello di comunicazione, che contiene anche la dichiarazione sostitutiva attestante la sussistenza delle condizioni e dei requisiti che danno diritto all’esenzione”.
Ricordiamo, infine, che i soggetti che hanno presentato la dichiarazione sostitutiva continuano a beneficiare dell’esonero del canone rai anche nelle annualità successive, senza dover presentare una nuova istanza ogni anno, ovviamente, salvo la successiva perdita dei requisiti previsti dalla normativa.

Leggi anche:  Gas, ecco il piano di emergenza del Governo: meno consumi, più trivelle e carbone

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook