Canone Rai, maxi multa a chi non paga: presta molta attenzione

Dopo numerosi rumors, ci sono effettive novità relative al Canone Rai, una delle tasse più conosciute e discusse del nostro paese, nonchè una delle meno apprezzate dal punto di vista concettuale. Anche la nomenclatura stessa non è corretta in quanto non si tratta d un pagamento “volontario” ma una vera e propria imposta, che a più riprese nel corso della storia recente italiana è stata al centro di cambiamenti. Cosa succede a chi non la paga?

Cambiamenti

L’ideazione di una tassa televisiva in Italia è addrittura antecedente, anche di molti anni, alla prima vera diffusione su larga scala degli apparecchi televisivi: risale addirittura al 1938 la prima tipologia di “tassa televisiva” basata sul possesso di apparecchi in grado di “decrifrare” il segnale dell’antenna/cavo. Il concetto di base ha subito poche modifiche da allora, e si tratta di una delle criticità più contestate dalla popolazione. Del resto il nostro paese non sembra essere in grado di fare a meno della Tassa televisiva: per ridurre la percentuale di “evasori” dell’imposta il governo Renzi nel 2016 ha di fatto accorpato il Canone Rai alla bolletta della luce, dilazionata in 10 rate da 9 euro l’una. Ciò ha aumentato le entrate (oggi quasi il 30 %, attraverso questo sistema paga il canone, rispetto al 3 % antecedente a questo periodo.

Leggi anche:  La guerra di domani, di cosa parla e quando esce il nuovo film con Chris Patt

Canone Rai, maxi multa a chi non paga: presta molta attenzione

Essendo una tassa, chi non la paga incorre in diversi problemi: in primis sono previste sanzioni amministrative (multe) che possono essere fino a 6 volte l’importo della tassa, ossia da 180 a 540 euro. A questo importo va aggiunto anche il costo del canone relativo al periodo evaso.

Lo stato adotta un comportamento pari all’evasione delle altre tasse: se il pagamento non viene eseguito dopo molto tempo, scatta l’iscrizione a ruolo e si attiva la procedura di riscossione coattiva, che può portare al pignoramento. Chi fa richiesta dell’esenzione dichiarando il falso compie un reato penale che può portare alla reclusione fino a 2 anni.

Leggi anche:  Grande Fratello Vip, chi è finito in nomination ieri sera?

canone rai aumento non paga

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Fatto in casa per voi

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook