Casa in ristrutturazione: c’è un bonus per l’arredamento che vale 8 mila euro, fai in fretta

Tra le convenzioni prorogate a favore dei cittadini e delle imprese con la legge di Bilancio c’è, per il 2023 il bonus mobili.

Si tratta di una detrazione fiscale generosa che vale il 50% della spesa totale, dedicata a chi acquista mobili ed elettrodomestici destinati all’arredamento di un immobile in ristrutturazione.

bonus mobili
informazioneoggi

Il nuovo Governo mette il massimo impegno nel venire incontro ai consumi dei cittadini seppur con un bilancio risicato al massimo dalle spese dovute alle coperture contro i rincari energetici. Nel 2022 come un margine di manovra più ampio lo Stato garantiva uno sgravio fiscale fino a 5 mila euro; per il 2023 e il 2024 la somma diminuisce invece del 20%.

Si tratta di una riduzione progressiva degli incentivi; se nel 2021 la spesa massima su cui sarà detratto il 50% ammessa arrivava a 16 mila euro oggi questa arriva a 8 mila. La motivazione è intuibile dagli effetti controproducenti sul bilancio dello Stato ma anche in parte sull’inflazione di un incentivo eccessivamente generoso.

Leggi anche:  Elezioni, Di Maio: Il Reddito cittadinanza? Non voglio abolirlo, ma migliorarlo

Recuperare il credito di imposta per il bonus mobili

Anche per il prossimo anno, comunque, si potrà beneficiare dello sconto, recuperabile dalle imposte per un tempo massimo di 10 anni sulla base di una detrazione Irpef al 50% ottenibile indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi tramite modello 730 o Redditi persone fisiche.

Per aderire all’iniziativa bisognerà dare prova dell’acquisto di mobili ed elettrodomestici nuovi, acquistandoli tramite bonifico bancario, carta di debito o credito. Non è consentito, invece, pagare con assegni, contanti o altri mezzi.

Le caratteristiche degli elettrodomestici per il bonus arredamento

Per quanto riguarda gli elettrodomestici essi devono avere determinate caratteristiche di efficienza: gli elettrodomestici dovranno essere di classe A per i forni, di classe E per le lavatrici, le asciugatrici e le lavastoviglie; dovranno arrivare almeno alla classe F per i frigoriferi e i congelatori.

Leggi anche:  Gas e trivelle nell'Adriatico: ecco perché il gioco vale la candela

Coerentemente alle attuali tendenze che premiano il risparmio e l’efficienza energetica gli elettrodomestici dovranno quindi essere tra i migliori in questo senso. Tra le altre linee guida segnalate dall’Agenzia delle Entrate; la detrazione spetta unicamente al contribuente che vi usufruisce a compensazione delle spese di recupero del patrimonio edilizio. Si tratta in parole povere di chi ha in essere la ristrutturazione di un l’immobile. Essa è calcolata sull’importo massimo di 8 mila euro comprensivo di trasporto e montaggio.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità – 104 e news

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  La crisi di governo vista da un imprenditore: 'Draghi allenatore di una squadra mediocre'

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News