Case unifamiliari: per il Superbonus bisogna aver terminato il 30% dei lavori, non basta averli pagati –

Per utilizzare il Superbonus nelle case unifamiliari fino alla scadenza del 31 dicembre 2022, bisogna aver effettivamente completato almeno il 30% dei lavori complessivi entro il 30 settembre 2022, non basta averli solo pagati.

Questa, in sintesi, la risposta fornita dalla sottosegretaria al ministero delle Finanze, Maria Cecilia Guerra, a una recente interrogazione della deputata ex M5S, Vita Martinciglio.

Nella sua domanda, la deputata faceva riferimento a un articolo del Sole 24 Ore in cui si prospetta (neretti nostri nelle citazioni) “la possibilità per i cittadini proprietari di villette unifamiliari che non sono certi di concludere il 30 per cento dei lavori entro il 30 settembre 2022 di usufruire comunque dell’agevolazione del 110 per cento anche solo versando le somme relative agli interventi previsti entro il 30 giugno 2022, considerato che la disposizione prevede che i benefici fiscali si maturano sulla base dei saldi di spesa del contribuente piuttosto che sullo stato effettivo dei lavori, fermo restando che il completamento degli stessi deve comunque essere asseverato entro 48 mesi […]”.

Leggi anche:  Falso reddito di cittadinanza, 50 denunciati: chi l'ha preso 2 volte e chi ai domiciliari

Tuttavia, la sottosegretaria ha escluso questa eventualità.

Difatti, ha spiegato, “in considerazione della formulazione della norma, non è sufficiente, come prospettato dagli Onorevoli interroganti, il pagamento dell’importo corrispondente al 30 per cento dei lavori, se lo stesso non corrisponde allo stato effettivo degli interventi, ma è necessaria la realizzazione di almeno il 30 per cento dell’intervento complessivo, atteso che la norma fa espresso riferimento alla percentuale dei lavori effettuati”.

Ricordiamo che il decreto Energia/Aiuti (dl 50/2022) ha previsto la possibilità di utilizzare la maxi detrazione del 110% per tutto il 2022 per gli interventi sulle case unifamiliari, a condizione di aver completato almeno il 30% dei lavori al 30 settembre 2022 (il termine in precedenza era fissato al 30 giugno). Si precisa che nel calcolo del 30% possono essere inclusi tutti i lavori, anche quelli non agevolati con il Superbonus.

Leggi anche:  Reddito di cittadinanza, che fine ha fatto il referendum annunciato da Renzi?

Il seguente documento è riservato agli abbonati a QualEnergia.it PRO:

Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito a QualEnergia.it PRO

 

Potrebbe interessarti anche:

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Harry Potter e il Calice di Fuoco film stasera in tv: cast, trama, curiosità, streaming

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook