Catania, uccide la moglie a coltellate e tenta il suicidio: oggi il giorno dell’udienza di separazione

Condividi articolo tramite:

Ha ucciso la moglie, di 46 anni, a coltellate e poi ha rivolto l’arma contro se stesso, colpendosi all’addome, nel tentativo di togliersi la vita. È avvenuto a Bronte, nel giorno dell’udienza di separazione della coppia. L’uomo, 47 anni, è stato ricoverato nell’ospedale Cannizzaro di Catania. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che indagano. 

 

Ada Rotini uccisa dal marito Filippo Asero: chi sono e perché la loro è la storia di un amore non corrisposto

 

La condanna nel 2003

La vittima si chiamava Ada Rotini, aveva 46 anni, e faceva la badante. È stata colpita alla gola con un coltello dal marito, Filippo Asero, 47 anni, davanti l’anziano che accudiva. L’uomo, il 10 dicembre del 2001, era stato arrestato da carabinieri della compagnia di Randazzo per l’omicidio di Sergio Gardani, 32 anni, ucciso tre giorni prima in un agguato a Bronte che, secondo l’accusa, era maturato nell’ambito di una lotta interna a un clan locale per il controllo delle estorsioni e del traffico di sostanze stupefacenti. Asero, condannato all’ergastolo il 28 ottobre del 2003 in primo grado dalla Corte d’assise di Catania, era stato poi assolto con formula piena per non avere commesso il fatto.

 

Leggi Anche |  Philadelphia celebra i suoi 50 anni in Italia e omaggia Catania con un "ritratto di famiglia della città"

Chiara Ugolini, la fine terribile: ritrovata con uno straccio in bocca imbevuto di candeggina

 

 

Ferito l’anziano che ha tentato di difenderla

Un anziano è rimasto ferito nel tentativo di difendere Ada Rotini dall’aggressione del marito, Filippo Asero, che l’ha uccisa ferendola mortalmente con un coltello alla gola. L’uomo, che si era frapposto fra i due, ha riportato una lesione da arma da taglio a un braccio ed è ricoverato nell’ospedale di Bronte. Secondo una prima ricostruzione, l’anziano sarebbe la persona che la vittima assisteva come badante. Asero e l’anziano abitano nella stessa strada, in via Boscia a Bronte, e quando ha visto arrivare la moglie che andava al lavoro sarebbe sceso in strada per affrontarla e l’ha uccisa. La donna quando sono arrivate le ambulanze del 118 era già deceduta. Asero ha tentato il suicidio rivolgendo l’arma contro se stesso. È stato trasportato con un elicottero del 118 nell’ospedale Cannizzaro di Catania, dove è sottoposto a un delicato intervento di chirurgia, dove è arrivato con ancora il coltello nell’addome. Indagano i carabinieri coordinati dalla Procura distrettuale di Catania.

Leggi Anche |  Incidenti stradali a Catania in Via Umberto

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook

Condividi articolo tramite: