Catania, uccide la moglie prima dell’udienza di separazione: poi tenta il suicidio

Condividi articolo tramite:

Ada Rotini, la vittima, insieme all’uomo accusato di averla uccisa

La vittima ha 46 anni. La coppia era attesa in aula questa mattina. In un video sequestrato dai carabinieri ci sarebbero le prove del delitto avvenuto a Bronte

A poco più di due settimane dell’omicidio della giovane Vanessa Zappalà da parte del suo ex fidanzato poi morto suicida, nel Catanese un’altra donna è stata uccisa dall’ex compagno che ha poi tentato di suicidarsi. E’ accaduto stamattina a Bronte, il paese alle falde dell’Etna famoso per il suo «oro verde», il pistacchio. La vittima, Ada Rotini, aveva 46 anni ed era originaria di Noto, nel Siracusano; a Bronte, dove viveva da anni con la famiglia, faceva la badante. L’assassino è il marito, Filippo Asero, di un anno più anziano, dal quale la donna stava per separarsi legalmente dopo una separazione di fatto avvenuta già diversi mesi fa. Pare che proprio oggi fosse in programma un’udienza davanti al giudice.

Secondo una prima ricostruzione degli investigatori, la donna si stava recando nella ex casa coniugale per recuperare alcuni effetti personali, in compagnia dell’anziano di cui si prendeva cura, in via Boscia, nella parte Sud Est di Bronte. Il delitto è avvenuto in strada e il video di una telecamera di sorveglianza, sequestrato dai carabinieri, avrebbe «visto» le terribile fai dell’omicidio e del tentativo di suicidio dell’assasino. Ada Rotini è stata sgozzata. Nel tentativo della donna di difendersi, ci sarebbe stata anche una colluttazione e l’anziano uomo che la vittima assisteva è rimasto ferito leggermente a un braccio. Subito dopo, l’ex marito si è piantato il coltello all’addome per tentare di togliersi la vita. La donna è morta sul colpo, l’assassino è stato invece trasportato con l’elisoccorso all’ospedale Cannizzaro di Catania ancora con il coltello conficcato nell’addome ed è stato sottoposto a un’operazione chirurgica d’urgenza. E’ grave. L’anziano è stato ricoverato per accertamenti nell’ospedale di Bronte.

Ada Rotini era madre di due figli adolescenti avuti con l’uomo che oggi l’ha uccisa. L’omicida una ventina d’anni fa era stato coinvolto in un omicidio maturato in ambienti di spaccio della droga; prima condannato all’ergastolo, era stato poi prosciolto da ogni accusa e assolto in appello. 

                                              

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 3,99€/mese per 3 mesi

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook

Condividi articolo tramite:
Enable referrer and click cookie to search for pro webber