“Che tristezza…, una città in assetto di guerra senza che sia stata dichiarata zona rossa” [Video]



“Che tristezza…, una città in assetto di guerra senza che sia stata dichiarata zona rossa! Un inutile coprifuoco, senza ottenimento dei contributi statali che crea solo più assembramenti del solito al supermercato e notevoli perdite per le altre attività già stremate dalle limitazioni dei dpcm”. Ha scritto cosi’ oggi in Facebook, il consigliere comunale di Messina del Gruppo denominato… Ora Sicilia contestualmente alla sua manifestazione di stamani in piazza Unione Europea.

Sorbello…, ha aggiunto: “siamo unici anche in questo. Sempre a farci del male. Fermi di polizia ovunque e metodi discutibili. A noi Messinesi, i Militari servirebbero solo per terminare la ricostruzione di Messina iniziata tanto tempo fa da qualcuno per togliere finalmente le baracche e dare un tetto a famiglie e bambini”.

Leggi Anche:  Aumentano le zone rosse: nel catanese adesso c'è anche Maniace

“Abbiamo bisogno di un esercito di educatori, professori, assistenti sociali e psicologi, non militari coi mitra spianati. Questo è il vero coprifuoco che dovremmo attuare, ricostruire Messina e reclutare figure professionali a supporto della popolazione”.

Video, tratto dalla Pagina Facebook: “La Gazzella del Sud”.

 

 

Fonte e diritti di questo articolo
Sei il proprietario di questo articolo e vuoi che venga rimosso? Contattaci sulla nostra Pagina Facebook.

Notizie h24 è un portale gratuito di notizie in tempo reale, nel sito puoi trovare tutte le notizie più importanti del giorno. Gran parte delle notizie pubblicate tramite un processo automatico sono prelevate da giornali online e siti verificati. Lo scopo di Notizie H24 è quello di avere una raccolta unica di tutte le notizie più importanti del giorno, così da poter dare più informazioni possibili al lettore in modo semplice. Le pubblicità presenti nel portale ci permettono di mantenere attivo il servizio.

Leggi Anche:  I numeri in chiaro. La fisica Paolotti: «Con le riaperture a Natale, la terza ondata a gennaio sarà inevitabile. Con altre migliaia di morti» - Open

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook