Chi difenderà il reddito di cittadinanza in campagna elettorale?

Non solo i migranti, il taglio delle tasse e le pensioni alzate a minimo 1.000 euro al mese. In campagna elettorale tra i temi caldi, caldissimi visto che non manca molto al Ferragosto, c’è infatti pure il reddito di cittadinanza. Una misura che potrebbe essere fortemente a rischio. All’indomani delle elezioni politiche di settembre.

Il fronte politico di centrodestra, infatti, sembra essere ad oggi compatto sull’abolizione del sussidio. Questo tenendo conto anche del fatto che, con l’uscita di Luigi Di Maio, il MoVimento 5 Stelle, in termini di potenziale bacino elettorale, potrebbe essersi palesemente indebolito.

Chi difenderà il reddito di cittadinanza in campagna elettorale

In altre parole, con un prossimo Governo italiano di centrodestra, specie se a guida Fdi, il partito di Giorgia Meloni, il reddito di cittadinanza potrebbe avere davvero i giorni contati. Ed allora, chi difenderà il Reddito di Cittadinanza in campagna elettorale in vista delle politiche di settembre?

Di certo, un ampio fronte dei partiti di centrosinistra. Ovverosia, il MoVimento 5 Stelle, chiaramente. Ma anche i partiti che stanno più a sinistra del PD guidato dall’ex premier Enrico Letta.

Con il Partito Democratico che, nel siglare l’intesa politico-elettorale con Azione di Carlo Calenda, si è peraltro accordato non per abolire il sussidio, ma per apportare delle modifiche.

Salvo clamorosi dietrofront, invece, nel centrosinistra c’è un partito che, al pari di Fdi di Giorgia Meloni, di reddito di cittadinanza non ne vuole proprio sapere. Questo partito è Italia Viva, che è guidato dall’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Chi perderebbe il sussidio in caso di abolizione della misura

In caso di abolizione del sussidio, sarebbero davvero tante le famiglie in Italia che perderebbero questo beneficio economico. In accordo con i dati INPS dei primi cinque mesi del 2022, infatti, oltre 1,55 milioni sono i nuclei percettori di almeno una mensilità del reddito di cittadinanza o della pensione di cittadinanza. Con oltre 3,4 milioni di persone coinvolte nel percepire in media, tra reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza, poco più di 550 euro al mese.

Da oltre tre anni, proprio con il reddito di cittadinanza, milioni di famiglie italiane, quindi, percepiscono un beneficio economico. Che permette loro di non vivere in condizioni di povertà. Nella maggioranza dei casi trattasi di famiglie a basso reddito. Tutti i percettori occupabili sono senza lavoro. Dal corrente anno, inoltre, per mantenere il sussidio, sono obbligati a colloqui con cadenza mensile presso i Centri per l’Impiego.

Lettura consigliata

Il reddito di cittadinanza è assistenza di Stato?

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell’autore, consultabili QUI»)

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Leggi anche:  Elezioni. Matteo Richetti, esponente di Azione, a Radio 24