Come avere il nuovo bonus trasporti da 60 euro

Da settembre sarà attivo il portale per chiedere il contributo utilizzabile una sola volta per abbonamenti a bus, tram, metrò e ferrovie.

Un aiuto, seppur limitato, per andare al lavoro o all’università. Dal mese di settembre e fino al 31 dicembre 2022 sarà disponibile il portale bonustrasporti.lavoro.gov.it dove i pendolari potranno chiedere il bonus trasporti confermato dal decreto Aiuti bis appena approvato dal Governo. Si tratta di un contributo di 60 euro per l’acquisto di un abbonamento mensile, plurimensile o annuale. La cifra, considerato il costo del trasporto pubblico, non è altissima per chi si muove da fuori città ma è, sicuramente, un aiuto significativo, soprattutto per chi si muove solo con bus, tram e metrò. Considerato che in una città come Milano un abbonamento ordinario mensile al trasporto locale costa 33 euro, con il bonus viene fuori un carnet gratis.

Leggi anche:  Condannato il fidanzato di Silvia Provvedi : 12 anni a " Malefix "

Già, uno solo. Perché il bonus trasporti 2022 si può chiedere una volta sola e per un solo abbonamento, purché si resti entro la soglia dei 60 euro. Nell’esempio appena riportato di Milano, dunque, chi deve fare il mensile da 33 euro potrà averlo gratis una sola volta fino a dicembre 2022 e non potrà chiedere un secondo bonus. Mentre chi fa l’annuale da 330 euro (sempre a Milano) avrà il contributo di 60 euro ed il resto lo dovrà mettere di tasca sua.

L’agevolazione interessa gli abbonamenti al trasporto pubblico locale, regionale, interregionale e ferroviario nazionale. Sono, però, esclusi i servizi di prima classe, executive, business, club executive, salotto, premium, working area e business salottino.

I beneficiari sono le persone fisiche con reddito fino a 35mila euro nell’anno 2021 ma anche i lavoratori (dipendenti e co.co.co.) al di sotto della soglia reddituale indicata e gli studenti e fino ad esaurimento delle risorse stanziate dal Governo (180 milioni di euro per il 2022, quindi più del doppio dei 79 milioni previsti dal primo decreto Aiuti).

Leggi anche:  Imperia: 248° anniversario della fondazione della Guardia di Finanza, ecco il bilancio dei primi 5 mesi del 2022/ i dettagli

Il bonus trasporti 2022 è compatibile con il welfare aziendale. Per ottenerlo, occorrerà collegarsi entro il 31 dicembre di quest’anno al sito bonustrasporti.lavoro.gov.it che sarà disponibile nelle prossime settimane (presumibilmente a settembre).

Il contributo è personale, non cedibile e utilizzabile una sola volta nel mese di emissione. Non fa reddito e nemmeno rileva ai fini del calcolo dell’Isee. Il costo d’abbonamento rimane detraibile al 19% nella dichiarazione dei redditi, ma solo:

  • per gli abbonamenti al trasporto pubblico locale, regionale ed interregionale (è escluso dalla detrazione quello nazionale)
  • per la quota effettivamente sostenuta, quindi scalando i 60 euro del bonus, fino a 250 euro;
  • se il pagamento avviene con bonifico, carta di credito o altri strumenti tracciabili: i pagamenti in contanti non sono detraibili.
Leggi anche:  Bonus affitto per i canoni pagati fino al 29 agosto 2022: più tempo per il credito d'imposta


Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook