Come capire se i lavori rientrano nel bonus verde: ecco la domanda a cui devi rispondere

Grazie alla legge di bilancio 2022, il cosiddetto bonus verde è stato prorogato fino al 2024. Stiamo parlando della detrazione del 36% delle spese sostenute per interventi di sistemazione a verde degli immobili ad uso abitativo.

L’Agenzia delle entrate, con la circolare n. 9/E del 1° aprile 2022, ha fornito utili chiarimenti in merito al contributo in argomento e, in particolare, alla la tipologia di spese agevolabili. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Bonus verde, cos’è e a chi spetta

Il Bonus Verde, sostanzialmente, consiste in una detrazione del 36 per cento, fino ad un massimo di 5 mila euro, delle spese sostenute per interventi di sistemazione a verde degli edifici. La detrazione massima, dunque, è pari a 1.800 euro, che può essere richiesta su ogni unità immobiliare.

Leggi anche:  Ecco come Draghi è rimasto vittima di sé stesso

Attenzione però, non tutte le spese sono agevolabili. In linea di principio, bisognerebbe porsi sempre la seguente domanda: è un lavoro di manutenzione o di innovazione? Soltanto per i secondi è possibile richiedere il bonus verde.

Più nel dettaglio, secondo quanto previsto dalla normativa, il contributo spetta per la:

“sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili”.

La detrazione spetta anche per le spese sostenute per interventi eseguiti sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali. In questo caso, ha diritto alla detrazione il singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile. Tra le spese che danno diritto al bonus sono comprese anche quelle di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi indicati.

Leggi anche:  Sconti prima casa: niente rimborso se non chiesti all'ora dell'acquisto

Il bonus verde, ad ogni modo, non spetta per le spese sostenute per:

  • la manutenzione ordinaria periodica dei giardini preesistenti non connessa ad un intervento innovativo o modificativo nei termini sopra indicati;
  • i lavori in economia.

Tuttavia, per quanto riguarda i lavori in economia, la norma non esclude che il contribuente possa rivolgersi a fornitori diversi per l’acquisto degli alberi, piante, arbusti, cespugli, specie vegetali e per la realizzazione dell’intervento, fermo restando che l’agevolazione spetta a condizione, come detto, che l’intervento di riqualificazione dell’area verde sia complessivo e ricomprenda anche le prestazioni necessarie alla sua realizzazione.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Leggi anche:  Bonus 200 euro anche se lo stipendio è aumentato

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook