Como, la Cgil: ‘Carenza di personale nel turismo? Il reddito di cittadinanza non c’entra, la qualità dei contratti sì’

Le assunzioni nel settore della ristorazione e alberghiero sono in netto aumento. La tendenza è emersa dalla conferenza organizzata alla sede della Cgil di Como, organizzata da Filcams (Federazione italiana lavoratori commercio, albergo, mensa e servizi), in base ai dati emersi da uno studio dell’Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Como e Lecco.

Il dato principale: all’inizio del 2016 gli addetti nel settore turistico nella provincia di Como erano 14.876, mentre alla fine del 2021 erano 17.472.

Presenti alla conferenza Fabrizio Cavalli, segretario provinciale Filcams e Umberto Colombo, segretario di Cgil Como e segretaria organizzativa Cgil Como Lorena Panzeri.

“L’incontro di oggi vuole essere un po’ un risposta alla narrazione che si sta facendo sulla mancanza di giovani e lavoratori nel mondo del turismo – esordisce Cavalli –  Il problema della carenza di personale non nasce né dalla situazione compromessa di oggi né dal il reddito di cittadinanza. Nei dati si vede come negli ultimi 5 anni il numero di occupati sia decisamente cresciuto. Il lago sta funzionando bene come attività e c’è bisogno di occupazione”.

Leggi anche:  Massimiliano Fedriga: 'Green pass per i lavoratori purché non crei caos'

Emergono comunque alcune critiche al mondo del turismo: “Pensando alla qualità dell’occupazione, è un po’ che contestiamo una serie di elementi. Ad esempio nella ristorazione abbiamo i soliti problemi di sempre: contratti part time e che invece poi si rivelano full time, lavoro in nero, straordinari non retribuiti, contratti poco pagati rispetto alle ore che vengono fatte. Per quanto riguarda invece gli alberghi è diverso. Ci sono dei comparti all’interno delle strutture in cui gli orari di lavoro vengono sforati, se ad esempio i clienti non se vanno o il servizio dura più a lungo del previsto. In genere c’è qualche problema sullo straordinario, che spesso non vengono pagati e sono inclusi nella paga”

Le conseguenze così, secondo il segretario provinciale Filcams, si possono ripercuotere non solo sul lavoratore: “Nel turismo la qualità del servizio che viene dato dal lato umano del dipendente è molto importante. Bisogna iniziare a ragionare sulla qualità del lavoro, per far avvicinare le persone a questi tipi di mestiere. Dobbiamo aprire un tavolo di contrattazione con associazioni di albergatori e ristoratori per ragionare su questi temi: condizione di lavoro e termini economici. Si parla spesso di destagionalizzazione sul nostro territorio, ma poi i dipendenti nel periodo invernale non possono fare esperienze altrove per poi riportare l’esperienza accumulata qui d’estate. I servizi alla persona sono adeguati oggi all’organizzazione stagionale del lavoro? Per noi no”.

Leggi anche:  Bonus 200 euro: la circolare Inps sulla modalità di erogazione

Ha preso poi la parola il segretario della Cgil, Umberto Colombo: “Il settore del turismo è trainante in provincia di Como, basti vedere i dati sulle assunzioni. Noi non partecipiamo alla stucchevole polemica reddito di cittadinanza, bisogna certamente colpire furbetti, ma è uno strumento per combattere la povertà, che è in aumento anche a Como. Come Cgil vogliamo affrontare chi fa nero e fa concorrenza sleale agli imprenditori. Chiediamo che associazioni e istituzioni facciano lavoro serio di questi temi. Abbiamo la necessità di confrontarci anche con altre categorie su questi temi. Como ha delle opportunità che altri non hanno: siamo vicini a Milano, ad aeroporti, e abbiamo a disposizione dei finanziamenti mai visti con il Pnrr”. 

Chiude gli interventi Lorenza Panzeri: “”Per stare il più vicino possibile ai lavoratori del comparto, raddoppieremo le ore dei nostri servizi Caaf e Inca sul Lago. Abbiamo in programma un ampliamento degli spazi, assumendo persone del territorio, e cominceremo ad andare direttamente negli alberghi per fornire i servizi e l’assistenza fiscale”.

Leggi anche:  Maletto, 64enne con il reddito di cittadinanza coltivava 35 piante di cannabis

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook