Confindustria, Bonomi a Bari: «Necessario il taglio del cuneo fiscale»

Mezzogiorno, 8 novembre 2022 – 13:45

Il presidente nazionale di Confindustria all’assemblea generale degli industriali di Bari e Bat: «Il Governo faccia presto, dobbiamo presentare un altro modello economico del Sud»

di Cinzia Semeraro

«Oggi il fattore tempo è determinante. Al governo diciamo: fate presto. Abbiamo bisogno di interventi tempestivi, mirati, ben scritti e ben spiegati. Dobbiamo presentare un altro modello economico al Mezzogiorno e serve una strategia decennale, fatta di risorse per ricerca, innovazione, macro progetti collegati alle Zes, scuola, università. Bisogna creare un piano di sviluppo fino al 2032, per fermare l’esodo dei giovani». Lo ha detto Carlo Bonomi, presidente di Confindustria all’assemblea generale dell’associazione degli industriali di Bari e Bat, in corso al Teatro Kursaal Santalucia. «Riteniamo fondamentale l’Intervento sul taglio cuneo fiscale – ha aggiunto – abbiamo un cuneo fiscale troppo alto, il 46,5%. C’è una fascia, quella sotto i 35mila euro, che sta soffrendo, noi dobbiamo mettere più soldi in tasca. Serve intervento choc, servono 16 miliardi, due terzi ai dipendenti e un terzo alle imprese. Significa mettere 1200 euro in tasca in più ai lavoratori». «In questo momento avete meno risorse del governo precedente – ha sottolineato -, vanno messe tutte per uscire dalla crisi dell’energia, per aiutare le imprese e le famiglie».

Leggi anche:  Club Houdini serie tv, dal 23 marzo 2022 su Disney+


Energia e finanza

Bonomi, Fontana e Sisto
Bonomi, Fontana e Sisto

Bonomi ha affrontato anche la questione energia nel suo intervento all’assemblea degli industriali baresi. «Nel 2019 il conto dell’energia che pagavamo come manifattura era di 8 miliardi mentre quest’anno è di 110 miliardi», ha detto. «Sulla crescita nessuno può dire quello che succederà ma sicuramente non ci saranno le risorse» in più disponibili legate al rimbalzo del Pil degli ultimi due anni. «Ora – ha aggiunto – le risorse a disposizione vanno messe tutte a difesa della manifattura». Per Bonomi, è anche «positivo» l’annuncio del governo sulla gas release.

«Sarà importante mantenere dritta la barra dritta sulla finanza pubblica, perché l’anno prossimo si deciderà se entrerà in vigore il nuovo patto di stabilità e crescita e al tavolo dove si discuterà di questa manovra, noi dobbiamo arrivare con i conti in ordine per essere credibili», ha proseguito nel suo intervento Carlo Bonomi. «Il debito pubblico – ha aggiunto – negli ultimi 11 anni è passato da 1900 miliardi a 2800 miliardi. Abbiamo raddoppiato la spesa sociale, ma abbiamo raddoppiato il numero dei poveri. L’anno scorso 5.6 milioni di italiani sono entrati in questa fascia: segno evidente che nelle politiche di spesa sociale, questo Paese ha fallito».

Leggi anche:  Classifica e oroscopo giovedì 14 gennaio 2021: nuove opportunità per Gemelli e Sagittario
Lavoro e navigator

Carlo Bonomi ha affrontato anche la questione navigator, le figure previste nel decreto sul Reddito di cittadinanza per aiutare i cittadini a trovare lavoro. «Quando si parla di lavoro – ha sottolineato – la discussione verte su come trovare posti di lavoro ai navigator: ora sono meno di 1.000 perché nel frattempo sono stati assunti per concorso pubblico. E noi dobbiamo trovare un impiego pubblico a chi era stato assunto per trovare lavoro a chi non lo aveva. Sembra una barzelletta ma è la realtà: un fallimento a spese di imprese e famiglie perché alla fine paghiamo sempre noi con le nostre tasse». Per questo Bonomi ha detto, senza mezzi termini: «Noi dobbiamo presentare un altro modello economico», diverso «da quello del reddito di cittadinanza» e «su questo vorremmo poter lavorare con il governo, perché serve una strategia che vada oltre il Piano nazionale di ripresa e resilienza», «una strategia decennale per il Mezzogiorno». «Noi abbiamo un Paese – ha aggiunto – dove si pagano meno tasse sulle rendite finanziarie rispetto a quelle che pagano chi crea lavoro. E invece la migliore distribuzione della ricchezza è creare posti di lavoro e noi chiediamo solo questo: fateci lavorare e fateci creare posti di lavoro».

Leggi anche:  L’Assistente di Volo 2, dal 9 maggio su Sky
La newsletter del Corriere del Mezzogiorno – Puglia

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie della Puglia iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Mezzogiorno. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

8 novembre 2022 | 13:45

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News