Congedo straordinario legge 104: il requisito della convivenza e la possibilità di dimora temporanea

Oltre ai permessi retribuiti, i familiari di persone con disabilità grave possono fruire del congedo straordinario purché ci sia la convivenza, anche tramite dimora temporanea.

Questo periodo di assenza dal lavoro, della durata massima di due anni nell’arco dell’intera vita lavorativa (non è previsto infatti il cosiddetto ‘raddoppio’) spetta rispettando un preciso ordine di priorità.

congedo straordinario dimora temporanea
Foto Canva

Nello specifico, bisogna rispettare il seguente ordine:

  • coniuge convivente, parte dell’unione civile convivente o convivente di fatto;
  • genitori, inclusi quelli adottivi o affidatari in cui il coniuge, la parte dell’unione civile o il convivente di fatto del disabile grave sia deceduto, mancante o con patologie invalidanti;
  • figlio convivente qualora il coniuge convivente, la parte dell’unione civile convivente oppure il convivente di fatto, entrambi i genitori della persona con disabilità grave siano mancanti, deceduti o con patologie invalidanti;
  • fratello o sorella convivente nel caso tutti i familiari precedentemente elencati siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  • parente o affine entro il terzo grado convivente solo se tutti i familiari indicati precedentemente siano morti, mancanti oppure affetti da patologie invalidanti.

Il requisito della convivenza è richiesto (tranne che per i genitori, anche adottivi o affidatari) dall’inizio del congedo e per tutta la sua durata.

Leggi anche:  Stretta sul green pass, aumentano i controlli nel weekend di Santa Rosa

Per inoltrare la domanda è necessario essere lavoratori dipendenti, anche part-time, e che la persona disabile sia in situazione di gravità ai sensi della legge 104/92 articolo 3 comma 3

Congedo straordinario e dimora temporanea: il quesito

Un lettore ha inviato il seguente quesito: “Buongiorno, volevo info su quali siano i requisiti e le modalità di richiesta per la residenza temporanea, per poter usufruire del congedo/aspettativa Legge 104 per assistenza parente. L’assistenza prevede ricovero ospedaliero dell’assistito per intervento e successiva convalescenza/riabilitazione. Grazie per la disponibilità. Cordiali saluti.”

Congedo straordinario legge 104 e convivenza

Come già evidenziato, per richiedere il congedo straordinario deve esserci concomitanza tra convivenza e residenza anagrafica. Il requisito della convivenza è soddisfatto anche se si ha lo stesso indirizzo, numero civico ma interni diversi. Il domicilio invece non basta. Nelle circolari Inps n.32 del 6 marzo 2012 e Dipartimento della Funzione Pubblica n.1 del 3 febbraio 2012 si evince che può essere accolta anche la residenza temporanea, da richiedere prima di iniziare il periodo di congedo straordinario retribuito.

Come richiedere la dimora temporanea

Per iscriversi allo schedario della popolazione temporanea di cui all’art.32 del D.P.R. 223/1989 è necessario rivolgersi al Comune in cui si desidera instaurare la dimora temporanea. Può essere richiesta da persone residenti in altro Comune italiano che abbiano il domicilio da non meno di 4 mesi, ma che non possono prendere la residenza (intesa come dimora abituale). L ‘interessato deve presentare l’apposita dichiarazione: non viene rilasciata una certificazione, bensì una comunicazione comprovante l’iscrizione.

Leggi anche:  ELEZIONI: SALVINI, 'LEGA MOTORE DELL'ABRUZZO', 'VOTO IN ITALIA NEL 2023, VINCEREMO'

Bisogna però sottolineare che, trascorsi 12 mesi, non si può più essere considerati temporanei, ma è necessario spostare la residenza. Se non si provvede personalmente, sarà l’ufficiale d’anagrafe che lo farà d’ufficio.

Congedo straordinario e residenza temporanea per assistere un parente

Rispondendo al quesito del lettore, evidenziamo che non viene concesso se la persona disabile è ricoverata a tempo pieno (ossia per le 24 ore) presso strutture ospedaliere o simili, pubbliche o private, che garantiscono assistenza continuativa. Sono previste queste eccezioni: interruzione del ricovero a tempo pieno per effettuare visite e terapie certificate; ricovero a tempo pieno di una persona con disabilità in stato vegetativo persistente; ricovero a tempo pieno di un soggetto disabile grave per cui sia richiesta la presenza della persona che presta assistenza dalla stessa struttura. Consigliamo quindi di verificare tutti i requisiti.

Leggi anche:  Covid, in terapia intensiva no vax che rifiutano le cure

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia

  1. Telegram – Gruppo
  2. Facebook – Gruppo

Se hai dubbi o vuoi porre una domanda di carattere previdenziale, fiscale e legge 104, invia qui il tuo quesito.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News