Controcorrente, “italiani stanchi”. L’avvertimento di Riccardo Molinari: stufi della guerra


Riccardo Molinari, capogruppo Lega alla Camera, è tra gli ospiti dell’edizione del 20 giugno di Controcorrente, il talk show condotto da Veronica Gentili su Rete4, che fa notare come ci sia uno scollamento tra le mosse della politica e il pensiero degli italiani a proposito del conflitto tra Kiev e Mosca: “L’opinione pubblica non vede di buon occhio la guerra non perché sta con la Russia, ma perché vede che il gasolio alla pompa sta a 2,20 euro al litro, vede che la bolletta del riscaldamento è triplicata, o perché pensa che la propria azienda debba chiudere con l’aumento dei costi dell’energia e lasciare a casa gli operai. Gli italiani non sono dalla parte di Vladimir Putin, ma sono preoccupati per le conseguenze della guerra sull’economia del nostro paese, sulla carne viva e sulla vita delle persone. In Francia credo che la situazione sia esattamente la stessa, i due partiti che hanno saputo interpretare meglio la questione sociale da due diversi punti di vista, quindi la sinistra radicale di Melenchon e la Le Pen, hanno raggiunto un grande consenso perché hanno parlato di potere d’acquisto, di aumento del costo della vita, dei temi sociali, che sono quelli che i partiti dell’establishment, quelli più allineati su posizioni europee, magari li trattano di meno”.

Leggi anche:  Arancia meccanica torna al cinema per il suo 50° anniversario

 

“Siamo dalla parte di Putin”. Rampini distrugge Draghi: vergogna Italia sull'Ucraina

 

A Molinari viene poi chiesto conto di quanto la situazione grillina possa influenzare le mosse del governo sulla guerra tra Russia ed Ucraina: “Lo scontro interno al Movimento 5 Stelle sulle armi in Ucraina è uno specchietto per le allodole, la crisi tra Luigi Di Maio e Giuseppe Conte è avvenuta per gli scarsi risultati alle elezioni amministrative. Non c’è – evidenzia il leghista – nessun tipo di contrasto sulla risoluzione che riguarda le armi, al prossimo Consiglio Europeo non si parlerà di invio delle armi, ci sono altri temi. Stiamo parlando da giorno di una questione che non è oggetto della risoluzione, sulla quale siamo tutti d’accordo sul sostegno all’Ucraina. Si parla del loro ingresso nell’Unione europea e di appoggiare il loro percorso come lo si sta appoggiando per altri paesi, non sarà un ingresso immediato. Si parla di energia, fissando il tetto massimo del prezzo a livello europeo, vogliamo che calino i prezzi di carburanti e gas. Il tema delle armi – conclude Molinari – non è un tema dibattuto al momento nel Consiglio Europeo. Se in futuro se ne parlerà si vedrà che posizione avrà l’Italia, ma non è il tema di oggi. È – conclude il deputato del Carroccio – una polemica strumentale che denota le grandi frizioni interne del M5S”.

Leggi anche:  Covid, donati 110mila litri di sapone e candeggina per le scuole

 



Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Valtopina, non dichiara di essere sposata e prende il reddito di cittadinanza: denunciata

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook