Coronavirus, indice Rt sotto 1 solo in quattro Regioni. Le altre a 'rischio epidemia non controllata'


In Italia l’indice di trasmissibilità Rt è pari a 1,18. Si riscontrano valori medi tra 1 e 1,25 nella maggior parte delle Regioni.

In discesa l’indice di contagio Rt in Italia. I dati settimanali aggiornati al 18 novembre lo fissano questa settimana a 1,18. La settimana scorsa era pari a 1,43, due settimane fa a 1,72. È quanto si legge nella bozza del report settimanale di monitoraggio della cabina di regia ministero della Salute-Iss, in possesso dell’AGI.     

Indice Rt Regione per Regione

L’indice è in calo un po’ ovunque, con 4 Regioni che sono già scese sotto l’1, ossia dovrebbero tecnicamente entrare in fase di discesa. Si tratta di Lazio (0,82), Liguria (0,89), Molise (0,94) e Sardegna (0,79).

Questo l’elenco delle altre Regioni: Abruzzo 1,32, Basilicata 1,46, Calabria 1,06, Campania 1,11, Emilia-Romagna 1,14, Lombardia 1,15, Piemonte 1,09, Provincia Bolzano 1,16, Provincia Trento 1,03, Puglia 1,24, Sicilia, 1,14, Toscana 1,31, Umbria 1,06, Val d’Aosta 1,14.

Leggi Anche:  Coronavirus in Italia: 28.337 casi e 562 morti rispetto a ieri

Le Regioni rischio epidemia non controllata

Quasi tutte le Regioni sono ancora classificate a rischio alto di una epidemia non controllata e non gestibile sul territorio o a rischio moderato con alta probabilità di progredire a rischio alto nelle prossime settimane. In particolare, 17 Regioni sono classificate a rischio Alto di una trasmissione di SarsCov2. 

Iss: “No a comportamenti sbagliati”

“L’epidemia in Italia – si legge nel report – si mantiene a livelli critici sia perché l’incidenza di nuove diagnosi resta molto elevata e ancora in aumento, sia per gravità con un significativo impatto sui servizi assistenziali”. 

Nella maggior parte del territorio nazionale “la trasmissibilità è compatibile con uno scenario di tipo 2 con alcune Regioni/PA in cui la velocità di trasmissione è ancora compatibile con uno scenario 3. Si osserva una riduzione nella trasmissibilità rispetto alla settimana precedente suggerendo un iniziale effetto delle misure di mitigazione introdotte a livello nazionale e regionale dal 14 ottobre 2020. Tuttavia – scrivono gli esperti – la trasmissibilità in gran parte del territorio è ancora con un Rt>1 e comporta un aumento dei nuovi casi; questo andamento non deve portare ad un rilassamento delle misure o ad un abbassamento dell’attenzione nei comportamenti”. (fonte AGI)
 

Leggi Anche:  I numeri in chiaro. La fisica Paolotti: «Con le riaperture a Natale, la terza ondata a gennaio sarà inevitabile. Con altre migliaia di morti» - Open

Fonte e diritti di questo articolo
Sei il proprietario di questo articolo e vuoi che venga rimosso? Contattaci sulla nostra Pagina Facebook.

Notizie h24 è un portale gratuito di notizie in tempo reale, nel sito puoi trovare tutte le notizie più importanti del giorno. Gran parte delle notizie pubblicate tramite un processo automatico sono prelevate da giornali online e siti verificati. Lo scopo di Notizie H24 è quello di avere una raccolta unica di tutte le notizie più importanti del giorno, così da poter dare più informazioni possibili al lettore in modo semplice. Le pubblicità presenti nel portale ci permettono di mantenere attivo il servizio.

Leggi Anche:  Si può andare a messa e al cimitero in zona rossa (con l’autocertificazione)

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook