Categorie
Cronaca

Cortina, tutti negativi i tamponi effettuati. Benetton: «Restiamo prudenti»

Condividi Tramite:


Sono tutti negativi i tamponi effettuati dai protagonisti del Summer party di Cortina al quale aveva partecipato un ragazzo ventiseienne di Roma, ignaro di essere infetto dal Covid-19, poi ricoverato per una polmonite non grave all’ospedale di Belluno. Alle circa 500 persone accorse all’evento montano sui prati, il sindaco di Cortina Gianpietro Ghedina, in accordo con l’Ulss aveva rivolto vivamente l’invito di sottoporsi al tampone. E subito, in modalità drive-in, si era formata una lunga fila di auto attorno allo stadio olimpico del ghiaccio di Cortina, con a bordo chi ha voluto sottoporsi al test, non obbligatorio.

Cortina, tutti negativi i tamponi effettuati. Benetton: «Restiamo prudenti»

Il post di Benetton su Instagram

Alla fine erano stati effettuati 285 tamponi, in quattro ore, quindi evidentemente non tutti si sono presentati (tra questi c’è chi aveva già lasciato Cortina, a loro è stato raccomandato di svolgere questo accertamento nelle proprie Usl di appartenenza). Tra coloro che hanno provveduto a fare il tampone con altre modalità c’è Alessandro Benetton, presente al party in qualità di presidente della Fondazione Cortina 2021, a cui è demandata l’organizzazione dei Campionati del mondo di sci che si disputeranno nella località dolomitica il prossimo febbraio. È lo stesso Benetton, che in un post pubblicato su Instagram rassicura di essere risultato negativo al tampone. Scrive di averlo fatto presso il reparto di Microbiologia dell’ospedale di Treviso di cui è primario il professor Roberto Rigoli, «uno di quegli angeli che lavorano ininterrottamente da gennaio per la nostra salute. Lo conosco da molti anni, circa 20 anni fa sono stato il suo istruttore di kitesurf». Poi l’invito: «Per non rendere vano il sacrificio di persone come lui, continuiamo a essere prudenti e a seguire le norme e le misure indicate, senza cadere, come suggerisce il professore, nella trappola del panico inutile».

Tra i negativi il conduttore Massimiliano Ossini

Anche il conduttore televisivo di «Linea Bianca» Massimiliano Ossini, presente al Summer party, rassicura: «Ho fatto il tampone venerdì, ma già avevo fatto tre test sierologici che ripeto ogni dieci giorni perché vivendo con genitori e suoceri anziani, li facciamo tutti in famiglia». Ossini dà atto che l’evento «era all’aperto e organizzato in modo intelligente e responsabile, all’ingresso venivano rispettati tutti i protocolli sanitari e tutti indossavano le mascherine, dagli ospiti al personale». Il conduttore sottolinea che «non si trattava di una festa, ma di un picnic senza musica dove ognuno ha preso da mangiare ed è tornato al suo posto mantenendo le distanze, con responsabilità da parte di tutti». Alle polemiche nate sull’inopportunità di organizzare una manifestazione di questo tipo, Ossini replica: «Il Summer party si poteva fare, perché i protocolli sono stati rispettati, a differenza di quanto succede in alcuni locali dove le regole di distanziamento sono meno rispettate». E anche lui esorta: «Dobbiamo stare attenti per dare l’esempio ai più giovani che vogliono divertirsi».

29 agosto 2020 (modifica il 29 agosto 2020 | 20:30)

© RIPRODUZIONE RISERVATA





Fonte

Potrebbe interessarti anche...