Cosa c’entra il termovalorizzatore di Roma con la crisi di governo in corso

Cosa c’entra il termovalorizzatore di Roma con la crisi di governo? Più che vero e proprio “casus belli”, come in molti stanno affermando, l’impianto che andrà a incenerire i rifiuti della Capitale (tabù assoluto per i grillini ambientalisti) ha piuttosto fatto esplodere una crisi già in corso sotto traccia. Sicuramente tra i temi che hanno surriscaldato il pessimo clima instauratosi tra Conte e il premier Mario Draghi c’è anche il termovalorizzatore. Ma non è su questo, a ben vedere, che il leader grillino, ex premier, minaccia davvero lo strappo. Andiamo con ordine. 

Il decreto Aiuti 

Il decreto Aiuti, oggi al voto in Senato, su cui il governo ha posto la fiducia, contiene la concessione di poteri straordinari al sindaco Gualtieri per la gestione in autonomia del ciclo rifiuti di Roma e la realizzazione del termovalorizzatore annunciato urbi et orbi lo scorso aprile. Senza i poteri, di fatto da commissario straordinario, il primo cittadino non potrebbe derogare al piano rifiuti regionale, che lo ricordiamo non prevede termovalorizzatori. 

Da qui l’emendamento al testo di legge approvato nelle commissioni e inserito, è l’accusa, senza un vero confronto con il M5s nelle commissioni competenti e a livello parlamentare. Uno scontro tra alleati, tra Pd e M5s, con i grillini infastiditi dal metodo più che dal merito. Un decreto “blindato”, è stato definito, e proprio su una questione sulla quale per buona parte dei grillini è difficile transigere. Il caso è tornato più volte negli ultimi mesi nelle dichiarazioni di Conte, pubblicamente contrario all’impianto. Vani i tentativi di modifica con ulteriori emendamenti in Consiglio dei ministri e in parlamento. 

Leggi anche:  Si schiantano i 5 Stelle, in quattro anni precipitano dal 40% al 4%

Nel frattempo c’è stata la scissione del ministro Di Maio, che ha aumentato le tensioni, costringendo Conte a una differenziazione dalla compagine governista dimaiana, specie in chiave elettorale. Alla Camera i grillini non hanno votato il decreto Aiuti (che è stato approvato) ma hanno votato la fiducia a Draghi. Al Senato il voto è unico, motivo per cui i pentastellati hanno deciso di uscire dall’aula, astenendosi. Mossa che secondo quanto filtrato da palazzo Chigi porterà Draghi a ufficializzare la crisi in maggioranza. 

Il documento in 9 punti

Nelle ultime richieste fatte da Conte a Draghi però il termovalorizzatore non compare come conditio sine qua non di una permanenza nel governo. Piuttosto c’è un documento in nove punti che è stato consegnato nelle scorse ore al premier, dove Conte esprime tutto il suo “disagio politico” e dove si parla di reddito di cittadinanza, salario minimo, decreto dignità, aiuti a famiglie e imprese, superbonus 110%, cashback fiscale, intervento riscossione, legge di delegazione. Anche di “transizione ecologica”, ma solo genericamente di “investimenti su fonti rinnovabili”. Nessun accenno all’inceneritore. Non a caso l’assessora regionale M5s Roberta Lombardi, tra i contrari all’impianto ma pronta fin dall’inizio a trattare con Gualtieri per salvare l’alleanza, è ancora nella giunta Zingaretti e non ha accennato alcuno strappo. 

Leggi anche:  'uBroker': 'E' il merito che salva uno Stato e alimenta la crescita"

Insomma, i temi di scontro sono parecchi, e il rapporto Conte-Draghi non è nato sotto le migliori stelle, specie perché il secondo ha sostituito il primo e il primo si dice debba ancora digerirla. Il termovalorizzatore è uno dei temi, ma le probabilità che Draghi lo tagli dal dl Aiuti sono vicine allo zero e Conte lo sa bene. La trattativa è ampia, come dimostra il su citato documento, va avanti da diverso tempo, comprende soprattutto l’agenda sociale, e per molti tra gli addetti ai lavori nasconde più un gioco politico che una questione reale di contenuti, con i rifiuti romani più marginali di quanto sembra. 

Leggi anche:  Daniela Poggiali, assolta e libera l’ex infermiera di Lugo

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook