Covid. Università Colorado. Mascherine stoffe non perdono la capacità di filtrare le particelle virali

Condividi articolo tramite:

– Advertisement –

– Advertisement –

AgenPress – Una nuova ricerca dell’Università del Colorado Boulder ha scoperto che lavare ed asciugare le mascherine di stoffa non riduce la loro capacità di filtrare le particelle virali.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Aerosol and Air Quality Research, conferma anche ricerche precedenti secondo cui la stratificazione di una maschera di cotone sopra una maschera chirurgica, che si adatta correttamente al proprio viso, fornisce una protezione maggiore rispetto al solo panno.

“È una buona notizia per la sostenibilità. La mascherina di cotone che è stata lavata, asciugata e riutilizzata probabilmente va ancora bene”.

Lo dice Marina Vance, (in foto) autrice principale di una  nuova ricerca dell’Università del Colorado a Boulder pubblicata sulla rivista Aerosol and Air Quality Research.  Da qui l’invito della studiosa “a non disfarsene”.

Dall’inizio della pandemia, ogni giorno sono state generate circa 7.200 tonnellate di rifiuti sanitari, gran parte delle quali sono maschere usa e getta.

“Eravamo davvero infastiditi durante l’inizio della pandemia quando uscivamo per un’escursione o andavamo in centro e vedevamo tutte queste maschere usa e getta che sporcavano l’ambiente”, ha detto Vance, che è anche docente del programma di ingegneria ambientale.

Quindi Vance era ansiosa di unire le forze quando gli scienziati del vicino National Renewable Energy Laboratory (NREL) l’hanno contattata per studiare come il lavaggio e l’asciugatura influiscano sulle maschere di stoffa riutilizzabili.

Il loro processo era abbastanza semplice: creare quadrati di cotone a doppio strato, sottoporli a ripetuti lavaggi e asciugature (fino a 52 volte, l’equivalente di un lavaggio settimanale per un anno) e testarli ogni 7 cicli di pulizia circa.

Sebbene le maschere non siano state testate utilizzando persone reali, bensì montate su un’estremità di un imbuto d’acciaio attraverso il quale i ricercatori potevano controllare un flusso costante di aria e particelle sospese nell’aria, i ricercatori hanno testato le maschere utilizzando condizioni realistiche e reali. , con alti livelli di umidità e temperature per imitare l’impatto sulla maschera dalla nostra respirazione.

Mentre le fibre di cotone hanno iniziato a sfaldarsi nel tempo dopo aver ripetuto il lavaggio e l’asciugatura, i ricercatori hanno scoperto che non ha influito in modo significativo sull’efficienza di filtrazione del tessuto.

L’unico cambiamento evidente è stato che la resistenza all’inalazione è leggermente aumentata, il che significa che la maschera potrebbe sembrare un po’ più difficile da respirare dopo un po’ di usura.

Un avvertimento chiave è che hanno condotto i test utilizzando un “adattamento perfetto” in laboratorio.

“Stiamo assumendo che non ci siano spazi tra il materiale della maschera e il viso della persona”, ha detto Vance.

La forma del viso di ogni persona varia in modo significativo. Quindi, a seconda della forma di una maschera e di quanto bene la persona la regola, potrebbe o meno adattarsi perfettamente. Ricerche precedenti hanno dimostrato che una maschera mal adattata può far passare fino al 50 percento delle particelle sospese nell’aria che inspiriamo ed espiriamo, così come il virus.

Questo studio non è il primo a scoprire che le maschere in tessuto offrono una protezione inferiore rispetto alle maschere chirurgiche o a una combinazione a strati di maschere chirurgiche e in tessuto.

Misurando quanto bene la maschera filtrava l’aria inspirata – proteggendo la persona che indossa la maschera, non riducendo la trasmissione dalla fonte – questo studio ha rilevato che le maschere in tessuto di cotone filtravano fino al 23 percento della dimensione delle particelle più piccole (0,3 micron ) su cui può viaggiare il virus. Le bandane filtravano ancora meno, solo al 9%.

In confronto, le maschere chirurgiche hanno filtrato tra il 42-88 percento delle minuscole particelle e le maschere di cotone sopra le maschere chirurgiche hanno raggiunto un’efficienza di filtrazione vicina al 40 percento. Non sorprende che le maschere KN95 e N95 abbiano funzionato al meglio, filtrando l’83-99 percento di queste particelle.

 

Leggi Anche |  Oroscopo del 3 ottobre 2021: previsioni segno per segno

 

 

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte notizie di attualità e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli del giorno da fonti attendibili, così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e sui contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi Anche |  Oroscopo del giorno Paolo Fox: Sabato 18 Settembre 2021

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook

Condividi articolo tramite: